L’uomo, la scimmia, la scienza

Postato il

Con questo PERIODICO SETTIMANALE Tiziano Bellucci vuole condurci nel viaggio dell’uomo attraverso se stesso.
IN QUESTO AUDIO:
L’uomo – oggigiorno – abituato all’empirismo materiale, esige fatti misurabili, non teorie mistiche, antiche, futuriste o fantastiche. La coscienza umana reclama: “esiste una via di conoscenza capace di esaminare e spiegare fenomeni invisibili, per mezzo di un metodo di osservazione affidabile e preciso, quanto quello utilizzato dall’indagatore scientifico delle scienze naturali in laboratorio, nell’investigazione e nella descrizione del mondo fisico?” La risposta è: sì, questa via di indagine esiste. Ed è lecito denominarla “scienza dello spirito”.
————- LINK UTILI PER CONTATTARE TIZIANO BELLUCCI

 

 

 

ECOLOGIA ANIMICA dell’EGOISMO

Postato il Aggiornato il

Il mondo è un’unità.

Una purissima legge di vita scorre nei 4 regni terrestri: a seconda del regno che attraversa, essa si apre dal minerale all’uomo, trasformandosi e mutandosi in qualcosa di diverso: da forza verde di vita impersonale vegetale, diviene rossa forza di vita nell’animale e nell’uomo.

Si illumina, sino a divenire man mano coscienza. Si fa possibilità di sapere di sé.

Mentre la pianta e il sasso esistono ma non arrivano a chiedersi di esistere, l’animale si compiace di sapere di essere vivo e di poter godere della vita del mondo.

L’uomo non solo sperimenta la coscienza di essere, ma riesce anche a chiedersi e ad indagare cosa è questa coscienza di sé.

 

La vita unitaria quindi vive, agisce e si esprime in ogni essere, anche nelle pietre, ma solo come potere di dare una forma. Tale vita può quindi “accendersi” e arrivare a diventare capacità di consapevolezza sé a livelli diversi.

Allo stesso modo, questa “vita che aspira a divenire cosciente di sé” si avverte come germe ed è presente in ogni umano, ma “accendendosi” lungo 4 livelli di ascesa: è ciò che l’uomo chiama dentro di lui, “voce della coscienza”.

 

E’ come se vi fossero 4 tipi di uomini:

uomini “pietra” (in stato di trance)

uomini “pianta” (in stato di sonno)

uomini “bestie” (in stato di sogno)

uomini “umani” (in stato di veglia)

Solo nel quarto grado nell’uomo umano questa “coscienza di sé” diviene addirittura cosciente di sè stessa. Per lo meno, potrebbe e vorrebbe arrivarvi.

 

Nei regni inferiori all’uomo la vita agisce senza lasciare espressioni e possibilità di libertà.

Si presenta come forza direttiva e legge di vita della specie. Come forza evolutiva.

Nell’uomo essa continua, ma da forza di specie degli individui, agisce dall’interno dell’uomo come forza di evoluzione dell’individuo singolo.

 

Per poter agire in modo individuale e fecondo, deve permettere che l’arbitrio personale possa penetrare nell’uomo. Deve esservi una “controforza” che contrasti la “vita”.  E in questo modo si smette di dirigere l’uomo, come invece viene fatto negli altri regni.

La vita deve lasciare libero l’uomo di dirigersi da se stesso.

 

Questa controforza esiste anche nei regni inferiori: si chiama istinto di sopravvivenza.

Solo che nell’uomo si estende ai suoi pensieri e sentimenti. Egli non solo sopravvivere, ma la utilizza per “super vivere”. Per sfruttare ovunque tornaconti, occasioni di godimento personale.

Il lui questa forza diviene “egoismo”.

L’animale, la pianta, la pietra non sono egoisti: si rimettono alle regole delle leggi di vita.

In questa epoca di “contagi, di infezioni” è importante cercare di trovare le cause di questa emergenza.

 

“SPOSTARE IL PROBLEMA, NON LO RISOLVE”

Oggi è comune ricercare le cause di un fatto, spostandolo, equivocandone l’origine.

In una malattia, l’attenzione si concentra esclusivamente sull’azione dei bacilli, dei virus. Questo distoglie, distrae dalla conoscenza della vera e propria origine della malattia.

I bacilli non sono la causa della malattia, ma solo una conseguenza. La causa primaria è sempre altrove.

Un conto è “prendersela” con un virus, cercando a tutti i costi di debellarlo con una cura o un vaccino. Altra cosa è indagare sul “perché” si è originato il virus, per andare così ad agire e a risolvere la causa primaria.

 

Ad esempio può accadere che batteri si generino a causa di mancanza di igiene.  Non si risolverà il problema delle infezioni da sporco inventando un vaccino contro i batteri dello sporco. Occorrerà applicare misure di pulizia igieniche che non permettano l’insorgere di batteri dallo sporco.

La soluzione non è quindi nel creare una cura per i batteri, ma per eliminare l’origine.

Se una stanza è piena di mosche (bacilli), vi sono due possibili cause: una che la stanza è sporca, secondo che la padrona di casa è pigra e non vuole pulirla.

Andare solo a “sgridare” la donna pigra, non porterebbe ad eliminare le mosche. Occorre anche pulire la stanza. E lo può fare la donna, o qualcun altro per lei.

 

Una determinata specie di bacilli si sviluppa sotto l’influsso di un certo fattore primario.

I bacilli sono quindi un fattore secondario: la causa primaria dovrebbe essere cercata nell’osservare come e perché l’organismo umano sia diventato portatore o recettore di certi bacilli.

Continuare a ricercare medicinali per curare le cause secondarie, è un atteggiamento alla pigrizia e alla non intelligenza.

PANDEMIA E NATURA

Secondo le precedenti considerazioni, la terra appare come un organismo organico unitario in cui la vita scorre, in cui ogni regno partecipa. Ogni regno è come un “sistema” vitale, un organo che costituisce un corpo unitario.

La Terra è da intendere come un organismo vivente, unico: costituito di corpo fisico, corpo eterico, corpo astrale e corpo dell’io.

Il mondo minerale è il corpo fisico del pianeta
Il mondo vegetale è il corpo eterico del pianeta
Il mondo animale è il corpo astrale del pianeta
Il mondo umano è l’io del pianeta

L’io del pianeta –l’umanità- ha creato continue disarmonie con i vari regni, che sono divenuti vere e proprie irriverenze: trivellazioni del sottosuolo, inquinamento dei mari e dell’aria, nelle foreste, violenza verso gli animali per scopi alimentari e scientifici.

Così come esiste una ecologia del mondo dovrebbe esistere un’ecologia dell’anima, che si occupa di “ripulirsi” dall’inquinamento del proprio egoismo interiore.

Trasmettere idee che allontanino dal materialismo e spingano alla ricerca di un amore, un’armonia verso il mondo, è il vero antidoto contro qualsiasi malattia.

CONTAGIO ED EGOISMO

Si può dire che l’egoismo ha contagiato il mondo all’interno dell’anima umana: portando ogni uomo a separarsi dall’altro, dalla natura. Infettandolo di brame nel godimento di sé.

Stiamo raccogliendo i “frutti” della mentalità materialista i cui semi sono stati deposti dai nostri antenati nel piano astrale. Il materialismo ha immerso l’umanità in tali tenebre che per trarla fuori è necessaria un’immensa concentrazione di forze.

Esiste un rimedio:

La nobiltà d’animo che favorisce l’amorevole aiuto reciproco è la medicina per ogni male.

Ma per realizzare questo occorre che non solo il singolo si attivi, ma che un’intera comunità lo imiti, lo emuli e lo faccia.

La cosa più ovvia sarebbe creare una sinergia con le associazioni ecologiste, in modo di poter sviluppare una maggiore consapevolezza e un conseguente rispetto della natura.

Si è tentato di contattarle: ma tutte hanno dimostrato di non avere nessun interesse per una visione olistica e spirituale del pianeta terra. Esse badano solo all’aspetto materialistico, giudicando inutile e dannoso ogni incrocio con filosofie o religioni.

Interessante vedere che proprio là dove vi dovrebbe la massima spiritualità, vi è invece una chiusura completa soprattutto verso la spiritualità dell’uomo.

 

Tiziano Bellucci

L’ENTROPIA DEL MATERIALISMO

Postato il Aggiornato il

L’ENTROPIA DEL MATERIALISMO

1° La costituzione occulta dell’uomo FIRENZE 2016
-7 ore audio-

Ci si può chiedere: PERCHE’ DURANTE L’ESTATE in Italia, IL VIRUS SEMBRAVA ESSERE SPARITO?

C’è chi sostiene che “le grandi restrizioni attuate con il lock down hanno creato le condizioni per un estate senza virus”.

Se fosse stato a causa del lock down di marzo e aprile, dopo la riapertura, si sarebbero già riaccesi focolai dopo 2/3 settimane. A giugno -considerando i grandi movimenti sui posti di lavoro, gli assembramenti vacanzieri sulle spiagge e sui viali- si sarebbero dovuti ripresentare “numeri” di infetti e morti considerevoli. Le strade, i bar, i ristoranti, gli autobus e i treni erano colmi di persone.

In luglio e agosto gli ospedali avrebbero dovuto esseri saturi di infetti. Invece non è stato cosi.

 

Ancora c’è chi afferma: “le condizioni di calore estive hanno limitato la forza del virus”. Si può vedere che questo vale solo per l’Italia. Perché in tutto l’emisfero superiore (America, India, Europa) era estate, eppure là il virus si è alquanto diffuso.

C’è chi dice: “è a causa della riapertura delle scuole”.

Sono stati imposti ai bambini e ragazzi protocolli rigidissimi: in realtà le scuole sono più tutelate di qualsiasi altro ambiente.

Ritorniamo alla domanda: “perché in Italia in estate sembrava tutto attenuato, come verso uno spegnimento epidemico?”

Alcuni spiritualisti sostengono che si era raggiunto ad aprile un innalzamento morale ed etico da parte di una considerevole parte degli italiani, il quale aveva attutito, beneficiato sullo stato epidemico.

Ma in quale modo si può comprendere questa affermazione? Come è possibile che la moralità, l’etica umana possano interferire con la salute?

Si immagini che intorno alla terra esista l’atmosfera aerea in cui respirano gli umani, in questo caso il popolo italiano. Nell’aria non vi è solo ossigeno e azoto, ma anche altre componenti di natura non fisica.

Ad esempio non si è a conoscenza che vi è un legame fra l’elemento aria e i pensieri, i sentimenti umani.

Quando si espira la propria aria non si compie solo un’emissione di anidride carbonica, ma si emette con essa anche il contenuto psichico che si sta vivendo interiormente. Si emettono parole che fanno parte dei nostri pensieri e sentimenti: avviene così che essi si effondono nell’etere. E non è sempre necessario che si “parli” per compiere questo. È sufficiente “pensare, sentire” perché durante l’espirazione fuoriesca dal polmone il contenuto psichico della nostra interiorità. L’anidride carbonica espirata è il “supporto” fisico dei nostri pensieri e sentimenti, i quali si riversano nell’atmosfera terrestre.

Sappiamo che il respiro è il veicolo della nostra vita. Non è solo simbolo di creazione della vita organica entro il sangue e negli organi, ma anche supporto ed espressione della vita psichica. “Respirando pensiamo” e questo pensare crea delle forme pensiero, immagini, le quali non svaniscono come visioni prive di realtà, “restano” presenti nella realtà.

“Pensare è un sottile respirare” (dice Steiner).

Dell’effetto postumo e perdurante che ha un pensiero lo si ha quando si riceve un offesa, o si ottiene una conoscenza illuminante: il pensiero produce dolore o piacere nel ricevente, che può perdurare addirittura per ore e anche giorni. Si porta questo esempio per mostrare come il pensiero non sia solo un evanescente manifestazione psichica, ma produca reali effetti nella psiche. E come vedremo non sono in essa.

Si prenda atto che intorno a noi nell’atmosfera non vi è solo ossigeno, azoto e anidride carbonica, ma anche la globalità di pensieri e sentimenti che ogni umano emette respirando.

L’ambiente in cui vive un popolo è quindi saturo dei pensieri di tutta comunità: esiste quindi riconoscere che possa esistere anche un “ecologia psichica” (misconosciuta) che interagisce con l’ambiente fisico e psichico esterno.

In altri termini: ciò che pensiamo e sentiamo crea vita o morte all’esterno di noi. Ovviamente, questo si riflette poi creando danno in noi stessi.

Allo stesso modo di come noi possiamo creare danno “offendendo” un altro uomo con pensieri fatti di parole, respirando “offendiamo” l’anima della terra con i nostri pensieri egoistici.

Anche la Natura ha un’anima.

Se emettiamo pensieri e sentimenti di rabbia, di paura, o di egoismo, di menefreghismo oppure di superficialità, di materialismo, questo tipo di cause producono disarmonie nell’ambiente atmosferico. Inseriamo dei germi di antipatia, di caos nell’aria.  Nell’anima della Natura.

Questo attiva delle forze naturali di “compensazione” le quali tendono e vogliono mantenere sotto un certo limite il “caos” per evitare che si vada verso un’entropia psichica, che porti la terra ad un collasso psichico.

La “compensazione” anti entropica avviene tramite il prodursi di catastrofi naturali o di epidemie, nell’ambiente che ha creato la causa. Essa stimola (o purtroppo elimina) le cause del danno, per riportare un equilibrio. Questo a livello planetario.

Questo tipo di legge, è stata chiamata equivocando, il “castigo di Dio”: le piaghe che la Divinità infligge alla terra.

La “Forza di conservazione dell’energia” non ha una coscienza umana, ma planetaria: essa si limita a mantenere armonia nella natura, e fra le sue creature. Non agisce con arbitrio cosciente di “colpa”.

Se la disarmonia proveniente dai pensieri materialisti e transumani proviene dal consorzio degli uomini volendo usare un termine arcaico si può dire: “la Divinità è innocente”.

La colpa è nell’uomo, nel suo modo di essere. Che deve cambiare.

In Aprile, questo ambiente atmosferico italico aveva raggiunto una buona, elevata qualità di “aria e pensieri etici”. Una buona o considerevole parte degli italiani aveva raggiunto una presa di risoluzione della coscienza verso un miglioramento delle proprie condizioni e abitudini di vita interiori.

Questo ha causato il miglioramento epidemico.

L’aria dell’Italia era meno permeata di pensieri superficiali, e si era intrisa di anelito per la profondità.

E se questa tendenza si fosse mantenuta, saremmo arrivati ad una stabilità immunitaria.

 

Il libero arbitrio però esiste. Ed è ciò che ha permesso agli italiani di ritornare a pensare e sentire nello stesso modo materialistico e superficiale che vi era prima di Marzo.

Si è sottovalutato il monito che si era prodotto, e si è nuovamente caduti in comportamenti etici che hanno degenerato, provocando nuovo pericolo di entropia.

E quando questo succede, la Legge compensatrice si attiva.

La decadenza richiama riequilibrio.

 

Viviamo in un’epoca in cui il problema dell’entropia materialistica riguardo tutto il pianeta. E a causa di ciò i è presentata una pandemia.

Più individui condurranno un errato stile di vita, con pensieri materialisti, con sentimenti egoisti e con rabbie, paure più la pandemia si protrarrà.

 

Occorre prendere atto che il pianeta ci chiede un atto di ecologia etica per riequilibrare la salute della Terra.

E ognuno può farlo, cominciando a respirare pensieri e sentimenti profondi, umani ed etici. Grazie allo studio e alla pratica dell’antroposofia, ai rimedi della scienza dello spirito.

 

Quali sono i “rimedi” proposti dall’antroposofia?

L’essere umano grazie a questa emergenza, si è accorto di avere un’anima. E sempre più è palese che essa (psiche) influisce sullo stato della salute del corpo.

Non è il Virus che attacca l’uomo, ma è l’uomo stesso si predispone ad essere un terreno adatto entro il quale il virus può attecchire. Perché in una famiglia dove vi è malato, non tutti si ammalano? Perché non tutti hanno “la stessa base” salutistica, per lasciare che si sviluppi l’infezione.

I virus sono in ogni uomo: crescono e si potenziano solo se trovano il nutrimento necessario per proliferare.

Quali sono gli “alimenti” favorevoli alla moltiplicazione dei virus? Quali sono “cibi” per i batteri?

  1. Le abitudini materialistiche di pensiero: coltivare un modo di pensare consumistico ed utilitaristico, che si affida ad una visione e ad una interpretazione del mondo meccanicistica e fatalista, rende possibile la “lievitazione” attiva dei patogeni;
  2. I sentimenti egoistici: il ritirarsi in una propria dimora elettiva approfittando degli altri, dei beni del mondo per trarne vantaggi economici o di piacere, senza condividere il proprio affetto con altri, favorisce la proliferazione di batteri.
  3. La paura, la rabbia e la sfiducia: questi aspetti sono veri e propri veleni nei rapporti di indebolimento del sistema immunitario
  4. lo stile di vita: l’uso continuo TV, PC, smartphone, materiali digitali ed elettronici. Questi dispositivi predispongono a disseccare e attaccabile da qualsiasi patogeno il sistema vitale del corpo;

 

  • Le abitudini materialistiche di pensiero
  • I sentimenti egoistici
  • La paura, la rabbia e la sfiducia
  • lo stile di vita

Questi quattro aspetti sono le cause dell’attuale epidemia.

Addormentarsi ogni sera con un errato stile di vita, con pensieri materialisti, con sentimenti egoisti e con rabbie, paure, predispone a diventare un possibile recettore di infezione.

In questo caso i virus non provengono da un contatto con l’esterno, ma si attivano dall’interno dell’uomo.

La “cura” consiste

  1. aprirsi a idee che elevino ad un pensare superiore capace di abbracciare altri significati, non solo materiali
  2. promuovere atti di solidarietà, di fraternità, umanesimo e di socialità
  3. nutrire coraggio, calma e fiducia nella vita;
  4. nel limitare al minimo l’uso dell’elettronica, dei media digitali

Senza questi quatto “antidoti” ci si avvierà verso una continua decadenza.

 

Tiziano Bellucci

“RESPIRARE FIDUCIA”: COME OGNUNO PUO’ RISOLLEVARE UNA NAZIONE DALLA PANDEMIA

Postato il Aggiornato il

“RESPIRARE FIDUCIA”: COME OGNUNO PUO’ RISOLLEVARE UNA NAZIONE DALLA PANDEMIA

Quando avviene una pandemia o una catastrofe mondiale, significa che tutte le forze invisibili, tutti gli SPIRITI che sono a governo di ogni nazione del mondo, concorrono contemporaneamente a regolare, rilevare, o meglio “testare” il grado di sviluppo SPIRITUALE di ogni singolo popolo, con “prove evolutive”, crisi umanitarie. E questo viene fatto tramite eventi salutistici (pandemie o epidemie) sia a mezzo di cause naturali (terremoti, maremoti, vulcani, ecc).

Quella a cui si assiste è una “prova” legata all’uso deRespirare – spaziopsicoterapial polmone, entro l’aria: dell’elemento che ci mette in relazione con il respiro di ogni umano sulla terra.

L’atmosfera della Terra è costituita di aria e forza eterica vitale. Questo “etere” non è solo ossigeno e azoto, ma è espressione dell’etica spirituale della natura, della legge di armonia della Terra.

Ogni uomo, respirando inspira “forza etica terrestre” ed espira “forza etica umana re-individualizzata” .

L’etica è la capacità di operare verso un bene universale, che possa creare benessere interiore alla comunità.

E’ abitudine credere che ciò che accade dentro all’uomo, come pensiero e sentimento sia un “affare” che riguardi solo lui e non coinvolga e non influisca sull’ambiente esterno. Esiste invece un aspetto non solo fisico, ma anche un aspetto eterico terrestre, provvisto di una sua “ecologia morale ed etica” che può venire deturpata o offesa dai comportamenti pensanti e passionali umani.

L’ambiente si riempie, tramite il respiro polmonare, del lavoro interiore etico, sociale ed animico che viene operato da ogni umano verso altri umani e le creature terrestri. Ogni azione, sentimento e pensiero che l’uomo compie, viene immesso nell’atmosfera terrestre come “frutto” della sua partecipazione.

Rabbia, indignazione, indifferenza e odio, attraverso il respiro umano (che è collegato con le forze astrali presenti nell’anima umana) vengono immessi nell’atmosfera eterica terrestre.

E’ bene considerare ora che ciò che crea, “tutela” la salute animica e fisica di un popolo è legato allo stato di “risveglio” e di spiritualizzazione di un certo numero di individui che si dedicano ad uno sviluppo superiore.

E’ subordinato al grado di “inquinamento” immorale e asociale che il singolo uomo rilascia nell’ambiente eterico: questa mancanza di “etica umana” crea un effetto sull’ambiente. E di conseguenza ritorna verso l’uomo.

 

I 12 MAESTRI DELLA “CONFRATERNITA BIANCA” « UnicornosTuttavia esistono individui, che si distinguono dagli umani comuni, che si possono qualificare come “adepti” o “praticanti” spirituali, i quali continuamente osservano e si dedicano ad una disciplina di sviluppo etico/morale superiore che tenda ad elevare verso il “sovraumano”: verso lo stato angelico umano.

Costoro sono in grado di “emettere” un tipo di respiro non intriso di negatività e aggressività, ma molto simile all’aria immessa dalle piante. Essi possono “compensare”, controbilanciare l’amoralità diffusa dalla maggioranza della popolazione

Questo vale per ogni persona dotata di elevati valori etici/morali: questi individui “etici” non rilasciano la stessa qualità di anidride carbonica nell’aria, allo stesso modo di chi invece è avulso dal materialismo e dal nervosismo. Il respiro della persona che persegue uno sviluppo superiore, assomiglia più ad un respirare vegetale, puro, carico di forze di vita, eteriche, di forze di salute.

Ripetiamo nel dire che a questa opera, contribuisce ogni umano, nel suo piccolo: non è indispensabile essere “adepti” per accrescere l’aura etica/eterica della Terra, con la propria respirazione spirituale, ma vi concorre ogni umano che “aspira e pratica” una reale miglioramento di se stesso verso l’altruismo e la fraternità.

Esiste dunque la possibilità che grazie al lavoro etico interiore di pochi, molti possano giovarne ed essere salvati.

Non è dato di sapere quale debba essere il numero necessario di “adepti dello spirito” che deve essere raggiunto affinchè vi sia una “compensazione” e un equilibrio di salute stabile nel territorio a vantaggio di tutti gli abitanti.

Tuttavia una data quantità di “presenze” etiche conferiscono solidità sulla bilancia della moralità terrestre.

Gli “uomini evoluti spiritualmente” sono a loro volta in collegamento, o meglio sono “osservati” dai cosiddetti “maestri della fratellanza bianca” i quali hanno già superato il grado umano, guadagnandosi il grado di “angelo umano”.   A loro volta, i Maestri o uomini angelo, sono in partecipazione con entità superiori nominati al principio di questo scritto, che vengono chiamati “spiriti di popolo”, che sono i veri e propri governanti occulti di ogni nazione.

Non si tratta di “governanti” umani ma di “Arcangeli”. Questi esseri seguono, armonizzano e determinano lo sviluppo spirituale di ogni singolo popolo. E ne traggono loro stessi vantaggi personali per la loro evoluzione, in conseguenza del giusto sviluppo del popolo che “seguono” e sovrintendono.

 

Lo sviluppo di un dato popolo è determinato da un minimo di individui che abbiano raggiunto un dato livello di “risveglio interiore”. Sono questi uomini spirituali che accrescono e mantengono alta quella che si può chiamare la “massa critica evolutiva”. Quando quel numero è raggiunto, l’Arcangelo “pulisce” l’ambiente dai patogeni che hanno causato la pandemia, riducendo man mano la letalità.

 

Andria: Aiutiamo le persone a respirare!Ad Aprile, la “massa critica” era stata superata: si era raggiunto il livello di spiritualità auspicato dall’Arcangelo di popolo italiano. In Italia e nei paesi in cui la pandemia si stava attenuando e finendo, era stato raggiunto il numero “consentito” affinchè la “prova” evolutiva venisse risolta, accettata dai rispettivi Arcangeli delle nazioni.

Qualcosa ora è cambiato in Italia. La “massa critica” è decaduta, diminuita.

Probabilmente non vi sono più sufficienti adepti o individui che mirano allo sviluppo della propria spiritualità, non vi sono sufficienti individui etici, morali.

Gli Arcangeli hanno prorogato la” prova”: e le condizioni astrali per farlo sussisteranno sino al 21 Dicembre.

In altri articoli l’autore aveva nominato questa possibilità, anche se allora (Aprile 2020) sembrava che il pericolo fosse stato scongiurato dal superamento della “massa critica etica”.

 

Questo scritto è un invito a prendere coscienza che più si alzeranno i contagi, più sarà un segnale di diminuita condotta e consapevolezza etica. Più uomini smetteranno di avere rabbia, paura e avranno FIDUCIA nelle forze spirituali che vivono nel loro io, più la pandemia andrà verso una fine.

Cerchiamo quindi dal risveglio e all’addormentamento di scegliere “di dare” al mondo il nostro contributo etico e spirituale, promuovendo azioni e pensieri di FIDUCIA, di RESPONSABILITA’, FRATERNITA’ e di SOCIALITA’.

Grazie per chi leggerà queste parole e le porterà nel mondo.

Tiziano Bellucci, Bologna 28-10-20

CORONAVIRUS: IL BENE E IL MALE DI UNA CRISI

Postato il Aggiornato il

CORONAVIRUS

IL BENE E IL MALE DI UNA CRISI. Contributi dall’antroposofia per comprendere e superare

La crisi, il lock down ha portato a paure esistenziali, violenze domestiche, aumento della dipendenza dei bambini davanti allo schermo, a misure di sorveglianza mai viste prima.

Il fantasma di una dittatura sanitaria che impone una digitalizzazione tracciante verso ogni individuo è allarmante.

E’ però avvenuto anche un rallentamento dei ritmi di vita, il quale ha richiamato una maggiore percezione e presenza di sé; è aumentata la solidarietà, il ri-apprezzamento dell’essenziale, della bellezza nella natura: è aumentato il coraggio di porsi nuove domande sull’ecologia, sul sistema consumistico.

In molte persone questa crisi è stata accolta come una rovina, un disastro.

In altre può invece essere un’occasione di sviluppo, per dare un contributo attivo per cambiare sé stessi e cambiare il mondo concretamente.

 

Lo scudo della conoscenza di se’

Un virus non attacca chi ha difese forti, ma solo chi è debole. In questo momento storico, ci sono molte persone che hanno basse difese, per motivi soprattutto legati alla paura, all’ansia, alla mancanza di movimento, di sonno, di stress, di sopportazione e di sicurezza interiore.

La calma, la tranquillità sono il maggiore antidoto per gestire il momento attuale:

“Porto la calma in me,

porto in me stesso

le forze che mi fortificano.

Voglio ricolmarmi

del calore di queste forze

voglio compenetrarmi,

della potenza della mia volontà.

 

E voglio sentire

Come la calma si riversa

In tutto il mio essere,

quando rafforzo in me,

nel trovare in me

la calma come forza

col poderoso mio tendere”

R. Steiner

 

Vaccini e immunità

L'Immunità innata: la tua prima difesa.Ipnosi e vitamina D la attivano.Per favorire una “protezione” globale -senza dover ricorrere ad un vaccino- occorrerebbe permettere che il Virus si diffonda, andando a creare un “immunità” di gregge, ovviamente tutelando in massimo grado le persone a rischio, quelle più deboli tramite il supporto di personale ospedaliero preparato. Queste strutture devono però essere molto forti, molto organizzate.

Può sembrare paradossale, ma sempre più persone dovrebbero infettarsi per creare maggiore reazione immunitaria.

Un altro problema riguarda i bambini: chiudere le scuole riduce la diffusione del virus e quindi anche “rimanda” verso il futuro una immunizzazione senza vaccino.

Più il virus si diffonde fra le persone, più la carica di letalità diminuisce.

E’ probabile che in Italia la popolazione -da marzo ad oggi- sia stata infettata in una misura del 50%. Solo il 1% avrebbe avuto manifestazioni gravi. L’aumento delle infezioni attuali testimonia una ripresa delle infezioni, meno letali. Quando si avrà raggiunto il massimo delle persone infette (90%), il virus sarà mutato e diverrà una comune influenza, affrontabile come le altre.

Se la vita da Gennaio ad oggi, fosse proseguita senza panico e restrizioni, si sarebbe costituita una spontanea immunità di gregge e oggi saremmo fuori da ogni pericolo. Non sarebbero morte più persone, ma essendosi immunizzate più persone, si sarebbe rallentata la diffusione dell’epidemia. Si avrebbero inoltre avuti più volontari donatori di immuno globuline da usare per trattare i malati gravi.

I governanti non dovrebbero rendere partecipi delle loro scelte il popolo, coinvolgendolo in scelte di cui non ha competenze.

Pubblicare dati statistici giornalieri su morti e feriti non permette di poter acquisire una visione d’insieme capace di vedere realmente gli effetti di date scelte prese a livello più ampio.

Dovrebbero essere prese decisioni che siano in grado di valutare quale è il bene migliore, non il male minore: come lasciare che vi sia una piena e libera diffusione del virus. Queste decisioni potrebbero apparire drastiche in un primo momento, ma molto fruttuose successivamente.

L’elettrosmog, l’inquinamento e il 5G non sono le cause principali dell’epidemia, ma solo fattori aggiuntivi.

 

Il ricercatore Aaron Antonovsky dice che esistono 3 qualità di sentimento che rendono l’uomo sicuro e capace di adattamento.

  • Il capire l’altro e sentirsi compresi dall’altro
  • vedere “sensato” il nostro pensiero e quello dell’altro
  • Il sapere che siamo in grado di compiere una data azione

Il sistema immunitario viene stimolato quando non crediamo di essere solo un corpo fisico, ma che abbiamo un’individualità immortale accessibile al pensare.

 

Il 666?

L'immagine può contenere: una o più personeBill Gates, fondatore della Microsoft, conosce molto bene l’ingegneria e il futuro virtuale: ha lavorato molto sui programmi e i Virus informatici. Sa come creare Virus informatici e quindi ANTI virus. E lo fa con un atteggiamento che sorpassa il concetto di umanesimo: si rivolge al “transumanesimo”

Ci si può chiedere: perché un uomo come Bill Gates che è un informatico si occupa di igiene e pandemie?

Bill Gates considera l’uomo come una macchina, la quale può essere ottimizzata, protetta, evoluta attraverso la tecnologia e la medicina.

Egli crede di agire per il bene dell’umanità: crede che tramite la sua ricerca biotecnologica, sull’intelligenza artificiale sia possibile arrivare ad “installare” nell’uomo “firewalls” e “antivirus” che lo proteggano e lo rendano sano e chissà un giorno, immortale.

L’uomo non è una macchina, per ora.

Si sa che l’azienda Google, simbolo della nuova tecnologia informatica, fu fondata nel 1998. Se moltiplichiamo “l’apocalittico segno della bestia 666” per 3, otteniamo proprio 1998. Un suo rappresentante attuale, Ray Kurzweil predice per il 2045 un nuovo “salto” evolutivo per l’umanità: avverrà la fusione fra evoluzione biologica umana e evoluzione dell’intelligenza delle macchine da lui costruite.

E’ quindi nell’interesse della visione di Bill Gates, quella di prendersi cura del futuro “uomo macchina” predisponendo tutto affinchè possa esservi un accesso tramite un “wireless sanitario” che “prenda in cura” e controlli ogni umano.

Il certificato “digitale” andrebbe impiantato sotto pelle, come microchip.

Non si creda che Bill Gates si muova con la consapevole malvagia intenzione di voler approfittare o causare danni all’umanità: egli desidera e crede proprio il contrario! Bill Gates vuole consegnare all’umanità una nuova medicina virtuale, che possa proteggerlo da ogni virus mortale.

Vuole che l’umanità divenga una perfetta creatura immortale e intelligente.

Gli ideali transumanisti sono quindi un vantaggio o una minaccia per l’anima e lo spirito dell’uomo?

Steiner e le epidemie

“Chi afferma che le malattie come le influenze vengono da piccoli esseri viventi, come i bacilli o i batteri, è astuto come colui che dice che dice che la pioggia viene dalle rane. Queste gracidano, quando sta per piovere, perché sentono l’arrivo della pioggia, ma non ne sono la causa. Allo stesso modo non sono i bacilli a portare l’influenza, ma si presentano e si attivano (come le rane) solo quando vi sono le condizioni adatte per svilupparsi” (R. Steiner)

Così come la causa della pioggia non va cercata nelle rane che gracidano, allo stesso modo le cause di una malattia non andrebbe ricercata nei virus, ma nelle nuvole che portano la pioggia. E nell’uomo, queste “nuvole” sono i bacilli, i virus che pre-esistono dentro all’uomo.

Solo se vi è un terreno adatto, insano o debole, si sviluppa una malattia.

Se un uomo vive solo di idee e rappresentazioni materialistiche, determinerà in lui che “piovano” in lui batteri e bacilli. La concezione materialistica è un “egregora”, una nuvola che scarica -soprattutto di notte, durante il sonno- malattie nell’uomo.

Chi, attorniato da malati e da persone che muoiono, si sente prendere dalla paura egoistica e dal panico, lui stesso alimenta “temporali”, precipitazioni batteriche in lui: è soggetto ad ammalarsi. Chi invece si addormenta sereno, con fiducia e con desiderio amorevole di aiutare chi è ammalato, non si ammalerà.

Il panico, la paura e la solitudine diventano “fattori patogeni” soprattutto fra gli anziani le persone deboli.

La paura egoistica del virus e delle malattie indeboliscono il sistema immunitario, mentre l’altruismo e la nobile fiducia rafforzano l’organismo.

Il coronavirus indica una profonda crisi dell’umanità, una malattia della propria coscienza.

 

La causa della pandemia

Il coronavirus non è una catastrofe naturale casuale, ma una pandemia che si è resa possibile grazie all’uomo stesso.

Il coronavirus viene dalla condotta deviata dell’umanità. E la conseguenza di una “malattia” sociale che si è instaurata da decenni nell’uomo: l’isolamento della coscienza umana dal mondo circostante, dalle altre persone, dal mondo spirituale e da noi stessi”.

L’isolamento il degrado a cui abbiamo sottoposto la natura, si è riversato ora su di noi, come contro immagine. Come un segno distintivo, siamo noi che dobbiamo ora stare isolati gli uni dagli altri. Degradando la nostra dignità.

L’isolamento egoistico che pian piano ha voluto l’anima umana nei confronti delle altre anime umane, ha creato il contraccolpo all’auto isolamento fisico verso gli altri umani.

Lo sfruttamento consumistico della natura sui regni minerale, vegetale e animale è un fondamentale atto di saccheggio, quindi di “separazione” fra consorzio umano e altri regni. Si è creato un distanziamento.

Pur avendo dichiarato al principio della pandemia che poteva esservi un’implicazione sulla causa del virus proveniente dal mondo animale selvatico e quindi un uso indegno dell’uomo verso l’imprigionamento e utilizzo degli animali, non vi è stata nessuna rilevazione o collegamento a livello internazionale.

Vi è stata una temporanea chiusura dei mercati di animali selvatici, poi ripresa subito dopo.

 

La causa della pandemia è soprattutto legata al pensare materialistico: non è però possibile rinunciare a questo pensare, perché esso è necessario per gestire la nostra quotidianità, immersa nel materialismo. Senza questo pensare non ci sarebbero stati e non ci sarebbero i progressi raggiunti dalla scienza che hanno migliorato la qualità della vita.

Vi è la necessità di trasformare il pensare ordinario in un nuovo modo di pensare superiore, che divenga consapevole della forza spirituale di cui è animato e tessuto.

Steiner indica una via per un pensare che avviene tramite il cuore, senza passare dal cervello. Si pensa con il cuore, in modo vivente e mobile. Esso ci consente di ricreare e a farci rientrare in un nuovo “respiro” con l’ambiente circostante. E’ un pensare che si attiva tramite la pratica della concentrazione e della meditazione quotidiana. Tramite questo pensare del cuore si percepiscono le impressioni dei sensi come un “sottile respirare”. Si sente che pensando si “inspira” i pensieri contenuti entro le cose, dentro le percezioni, e si “espira” ridonando alle stesse percezioni il nostro pensare scaldato dalla nostra umanità. Si diviene coscienti che non si guarda soltanto una cosa, ma la si “respira” nell’atto di percezione: si vive una coscienza che inspira pensieri dal cosmo e li espira umanizzati.

Goethe dice: “nulla è dentro, nulla è fuori, perché il dentro è il fuori”.

Tramite il pensare del cuore, si avverte di essere uno con il mondo, tutto si quaderna: ogni idea, ogni cosa, ogni pensiero è vivo. Non è solo percezione, caldo, freddo, luce o aria, tutto è globalità di idee divine, di esseri viventi parte di un organismo universale.

Si smette di sentirsi staccati o separati dal mondo: l’esperienza interiore e le percezioni esterne sono unite, diventano una cosa sola, così come quando respiriamo: prendiamo dentro una parte del mondo e reimmettiamo fuori.

La meditazione antroposofica si basa su la concentrazione su un mantra, oppure approfondendo (contemplando) in modo particolare un oggetto, un ente esterno.

Un esempio si può indicare nel praticare la meditazione dei 52 versetti settimanali presenti nel “Calendario dell’anima di R. Steiner”, da svolgere come approfondito contenuto meditativo.

Ad es (dal Calendario dell’anima di Aprile):

“Io sento l’entità del mio essere:

così mi parla il senso

che nel mondo dal sole illuminato

ai fiotti di luce si congiunge;

vuole al pensiero oltre alla chiarità donar calore

e uomo e mondo

avvincere strettamente in unità”.

 

Il collegamento dell’uomo con il mondo è il principio base del calendario dell’anima. E anche la soluzione per la fine della pandemia. Con la meditazione quotidiana dei versetti della settimana avviene un ricollegamento con il cosmo e la natura.

Si impara a “respira con i sensi”.

Un’altra meditazione utilissima per lo sviluppo del pensare del cuore e dell’unità con il mondo (tratta dalla pietra di fondazione”:

Anima dell’uomo!
Tu vivi nel battito del cuore e del polmone,
Che attraverso il ritmo del tempo
Ti portano a sentire l’essere della tua propria anima:
Esercita il riflettere nello spirito
Nell’equilibrio dell’anima
Dove le fluttuanti
Azioni del divenire universale
L’Io proprio
All’Io universale
Uniscono;
E veramente tu sentirai
Nell’attività dell’anima umana”.

E’ importante inoltre mantenere un contatto con i defunti, per liberarsi dall’isolamento prodotto dal materialismo. Essi continuano a vivere, in un’altra dimensione.

La luce avvolge la terra: lo sguardo chiaroveggente vede che in unico spazio, in tutta l’atmosfera in cui irraggia la luce solare tutto è riempito, colmo di tante entità quanti sono gli uomini sulla terra.

Questi esseri che vivono dentro nella luce che avvolge la terra un tempo furono uomini. Sono i disincarnati, i nostri defunti.

Essi vivono nella luce, i loro corpi sono fatti di luce.

Dopo la morte ogni uomo diviene un raggio di sole: e lavora collaborando per edificare nuova vita sulla terra, illuminando e vivificando con il suo calore e la sua luce i vegetali, gli animali e gli umani. Aiutando le condizioni evolutive terrestri a progredire.

Tutti i pensieri degli uomini si intersecano in questo involucro di esseri viventi di luce: ed essi respirano i nostri pensieri, intessendoli nella loro luce. E ci sentono. Pensare è nuotare nella luce: è avvertire la presenze del mondo degli spiriti umani che vivono nell’aldilà.

 

Meditare questi versetti aiuta a sentire la connessione con essi:

 

“Il mio amore sia con te nel mondo spirituale,

in cui ti trovi.

Il mio amore lenisca la tua arsura.

Il mio amore lenisca il tuo gelo.

Giunga fino a te

E ti aiuti

A trovare la via

Attraverso l’oscurità spirituale

Verso la luce dello spirito.”

 

Cosa ci insegna la crisi attuale? che tutto è connesso e che proprio l’ignorare quest’unità ha portato scompensi al singolo uomo.

Di cosa ha più bisogno l’essere umano in situazione di crisi? contatto umano, presenza e vicinanza fisica.

Tutto ciò che è stato tolto dalla politica “di sicurezza”.

Chi vuole essere libero deve rinunciare alla sicurezza.

Se si crede che si muoia per caso o per sfortuna, allora si ha paura. La paura non ci rende liberi.
La “sicurezza” materiale non ci aiuta a sentirci liberi.
E’ una sicurezza falsa. Ci aiuta solo a scacciare la paura.
La paura cessa quando si è convinti che si muore solo quando è scritto. Allora si è liberi, perchè la “sicurezza” la si prende da un principio superiore, non materiale.
Ma non è per tutti.

La soluzione del tutto sta nell’imparare a rapportarci reciprocamente di nuovo in modo spirituale, fra uomo e uomo, fra uomo e ambiente. Smettere di saccheggiare la natura, rispettandola. Riscoprire lo spirito che vive nell’umano, nell’altra creatura.

Lo spirituale deve ridivenire il contenuto centrale sul quale gli uomini si rivolgono per vivere e collaborare sulla terra in modo consapevole e cosciente.

“Corona” è un idolo: è il simbolo, il monito mondiale di una via errata nella politica, nell’economia e nell’ecologia.

Tiziano Bellucci

 

Contributi dall’antroposofia per comprendere e superare; una sintesi tratta dal testo “Coronavirus: una crisi come superarla” edito dall’editrice arcobaleno

https://www.rudolfsteiner.it/shop/libri/medicina-e-salute/corona-virus-una-crisi-come-superarla-/

 

Corona virus: una crisi, come superarla?

IMPARA A SUONARE on line con La Musicha Ritrovata

Postato il

IMPARA A SUONARE con

La Musicha Ritrovata. Il Suono della Vita

Metodo pratico per l’apprendimento del pianoforte e della chitarra
RIVOLTO A TUTTI

Caro Allievo, amico.

Ho scritto questo manuale per farti entrare nel mondo incantato di Musicha. Per insegnarti a suonare. Ti chiederai: “Perché Musicha e non musica?” Leggendo e praticando questo metodo, scoprirai che dietro a questa “H” in più vi è un mistero. Si tratta di un “viaggio misterioso e divertente” alla ricerca della musica: una leggenda, un romanzo ci condurrà ad incontrare vari personaggi, accompagnati da 14 temi, 14 musiche (oltre ad tanti altri esercizi e brani pedagogici). Sino ad incontrare la “Musicha” reale e imparando a suonare!

Ti auguro di incontrare questo mistero: che possano accendersi le luci che conducono alla magia della musica.
Tiziano Bellucci

Presentazione progetto “Musicha perduta”

 

ISCRIZIONI

Il corso è rivolto a tutti, a novizi e apprendisti: sia a chi vuole imparare a suonare il pianoforte, sia a chi aspira a suonare la chitarra

Entrambi i corsi sono costituiti -al momento- ciascuno da 30 lezioni con video tutorial e un manuale PDF, stampabile, contenente gli spartiti musicali delle lezioni. Man mano verranno aggiunti altri tutorial: si consiglia di visitare la pagina successivamente, per trovare altro materiale. L’iscrizione è permanente, non ha scadenza.

Per accedere, iscriversi ad un corso non è richiesto un costo fisso, ma un libero contributo. La Direzione invierà una password da inserire al link per accedere al corso e solo dopo averlo visionato si potrà procedere al versamento del contributo.

(la Direzione si riserva a sua discrezione di revocare la password nel caso di mancato versamento del contributo o in caso di un apprezzamento svalutante, non adeguato)

Essendo riservato per un singolo uso personale, si avverte di non condividere il link la password con il materiale nè con altri nè di renderlo pubblico

 

LINK corso CHITARRA (accessibile tramite password)   https://wp.me/P8jsFh-2US

LINK corso PIANO (accessibile tramite password) https://wp.me/P8jsFh-2V9

 

Per richiedere la PASSWORD si prega di compilare il seguente modulo:


QUI PUOI ASCOLTARE ALCUNI BRANI CHE VERRANNO INSEGNATI NEL CORSO (click):

Introduzione. Trama de La MUSICHA RITROVATA

C’era una volta un luogo lontano, in Europa, chiamato Artemis.

Là viveva un uomo di nome Vooran: non lo sapeva nessuno, ma era immortale. Non moriva mai: aveva 30 mila anni. Egli aveva cominciato ad esistere su Atlantide: un isola misteriosa (ora scomparsa dentro l’oceano) fra l’America e l’Europa.

A quei tempi antichi l ’umanità era nata da poco. Non era derivata da scimmie (come dicono alcuni) ma era discesa sulla terra dalle stelle, come tante goccioline di luce.

In verità una leggenda dice che una Dea buona, appena fu creato l’Universo si commosse così tanto, nel vedere quella immensa bellezza, che dalla gioia, cominciò a piangere lacrime di felicità. Dai suoi occhi scesero tante bellissime goccioline scintillanti.

Ogni “lacrima di cielo” piano piano cadde verso la terra: esse pian piano, divennero nuvole, poi pioggia, poi cadendo sul suolo con il tempo si cristallizzarono, come diamanti. Alcune di esse si sciolsero e divennero piante, altri animali, altri ancora si allungarono, cominciarono a camminare e formarono gli uomini attuali.

Questa umanità antica, era simile a tanti “bambini cresciuti”: essi avevano sì una forma umana adulta, ma trovandosi sulla Terra da poco, questi “bambuomini” non erano in grado di organizzarsi. Sapevano solo giocare.

Avevano bisogno di essere educati, istruiti, guidati.

Vooran svolgeva questo tipo di insegnamento: era un antichissimo Maestro dell’umanità. Oggi si direbbe: “era un Mago”. Così come oggi i ragazzi vanno a scuola per imparare a leggere e a scrivere, Vooran viveva in mezzo agli umani e li educava in tante cose pratiche: insegnava a lavorare, a cucinare, a vestirsi, a difendersi. E anche a fare magie: insegnava a pensare.

C’erano diversi “maestri Maghi” su Atlantide che, come Vooran, svolgevano questo compito.

Non tutti avevano forme umane: alcuni assumevano forme animali. Alcune immagini sono rimaste nelle antiche tradizioni, come negli Dèi Egizi, che hanno uomini con teste di animali.

Questi maestri non erano però né figli né amici della Dea “aveva pianto lacrime di gioia”: essi si trovavano sulla Terra prima che “piovessero” gli uomini e quando se li trovarono come compagni sul pianeta, decisero di istruirli. Se vogliamo essere sinceri, decisero di farlo perché avevano bisogno di “servitori” (educati) che li  adorassero come signori.

Videro negli uomini dei “perfetti soldatini” da allevare come futuri servitori.

Un “comandante” di questi maestri antichi si chiamava Vixenia. Lei pretese che venissero costruiti templi e chiese dove gli uomini andassero ad adorarla e le portassero doni.

Vixenia “inventò” l’’antica religione.

Ma nel cielo, la Dea delle lacrime e i suoi amici non erano contenti di come andavano le cose sulla Terra. Quei “maestri” educavano in modo sbagliato l’umanità: li spingevano sempre più alla litigiosità, all’egoismo, alla guerra.

La Signora delle lacrime volle porre un rimedio a questo: inviò sulla terra i suoi soldati alati: essi presero per i capelli tutte le Dee come Vixenia (che comandavano i Maghi) e le resero incorporee, invisibili agli uomini.

Ma siccome non esisteva un luogo dove portarle, dove rinchiuderli, venne decisa una cosa particolare: di rimpicciolirli e di nasconderli dentro alla pancia dell’uomo.

In questo modo egli non avrebbe avuto più una guida esterna che lo conduceva: poteva solo qualche volta, sentire una “vocina” dalla sua pancia che “brontolava” e si lamentava gorgogliando.

L’antico mondo dell’antica religione di Vixenia venne così “nascosto” dentro all’uomo.

Tutti gli antichi maestri, Vooran compreso, diventarono disoccupati, persero il lavoro, privi delle loro Dee.

Passarono gli anni, i millenni. E a Vooran nacque un figli, Artus. Questi, avrebbe cambiato il mondo.

 

nuovi PERCORSI DI ANTROPOSOFIA 2020-21

Postato il Aggiornato il

Cari amici, ricercatori. Confido di trovarvi bene, in armonia.

Sul culmine di questa calda estate vi invio alcune idee fresche, riguardo I PERCORSI DI ANTROPOSOFIA 2020-21

LA PRIMA IDEA

Un percorso di consapevolezza e di riscoperta di sè  in 8 incontri, 8 domeniche, in 8 mesi a Bologna

1- Lo sviluppo occulto dell’uomo nelle sue parti costitutive 27 Settembre 2020

2- L’enigma del sonno, del sogno e della morte 25 Ottobre 2020

3- Preistoria dell’umanità. Evoluzione dell’uomo e del mondo 22 Novembre 2020

4- L’origine del male. Nessi karmici e libertà: come agisce il destino? 20 dicembre 2020

5- L’arte e il suo significato nel mondo 31 Gennaio 2021

6- Eros e psiche: amore, amicizia e sessualità 28 Febbraio 2021

7- Il Quinto Vangelo e i 7 segni di Giovanni 28 Marzo 2021

8- Malattia e guarigione: concentrazione e meditazione 2 Maggio 2021

Otto appuntamenti mensili, che si terranno la domenica, dalle 9.30 alle 17 da Settembre 2020 a Maggio 2021.

https://unicornoscorsi.com/in-cammino2020-2021/

POSTI LIMITATI (si consiglia di prenotarsi compilando il modulo ON LINE)

 

LA SECONDA IDEA

4 Incontri, dalle 15 alle 19 per ampliare l’orizzonte della vita e le finalità esistenziali, per approfondire ed arricchire le relazioni, la comprensione del proprio ruolo e dell’altro uomo nel divenire della Terra.

A cura di Tiziano Bellucci, antroposofo ricercatore

 

PROGRAMMA: 

Sabato 31 ottobre 2020 “L’essere di Michele: Arcangelo del pensiero. Quando la fraternità diventerà una capacità umana” 

Sabato 9 gennaio 2021 “le 12 fatiche di Ercole e le 12 epoche di sviluppo umano” 

Sabato 27 marzo 2021 “Iside, Sophia, Madonna: la Dea ignota” 

Sabato 1° maggio 2021 Il nostro angelo custode. L’amata immortale: Eros e Psiche, la bella e la bestia. Cosa fa l’angelo nel nostro corpo astrale?” 

Orario: dalle 15 alle 19 

 Gli incontri si terranno presso la sede della Scuola di formazione di arte terapia antroposofica Stella Maris, via Saffi 30, 40131 Bologna. 

POSTI LIMITATI (si consiglia di prenotarsi compilando il modulo ON LINE)

 per approfondire: https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/approfondimenti/

 

un carissimo saluto

Tiziano Bellucci

Nuovi Studi insieme dei testi base di antroposofia 2020-21

Postato il Aggiornato il

Le NUOVE proposte di scienza dello spirito di R. Steiner a Bologna (e Skype)

a cura di Tiziano Bellucci

– Studio insieme dei testi base dell’antroposofia –

Leggi il seguito di questo post »

Riconquistare la “CORONA”

Postato il Aggiornato il

Riconquistare la “CORONA”

Da un mio articolo del 25 febbraio 2020, intitolato “perdere la Corona”:

“Il nostro Spirito ha perso la “corona” divina ed essa é diventata malattia. Abbiamo perduto la dignità di essere figli della spiritualità del cosmo e abbiamo “espulso” da noi la regalità, come forma virale. Abbiamo abbandonato la nostra Corona Regale, ed essa ci viene ora incontro come Virus.”

Alla luce dei nuovi avvenimenti sento sia il tempo di “aggiornare” le nostre considerazioni.

Noi sappiamo che i coronavirus sono un ceppo già conosciuto: i responsabili del raffreddore e dell’influenza comune.

Si dice che il “corona” attuale (covid19) é nuovo, diverso rispetto a quelli conosciuti: non esiste un “antidoto”.

I virologi dichiarano che quando si fa un vaccino, si crea immunizzazione inoculando preventivamente nei sani dei virus stessi responsabili dell’infezione, i quali vengono però preventivamente “disattivati” con procedimenti di laboratorio.

A ottobre e novembre molti anziani (nel mondo) si sono vaccinati contro l’influenza, e questi vaccini annuali comuni, contenevano come ogni anno, certi coronavirus disattivati, trattati in laboratorio in previsione di ceppi invernali.

Cosa accadrebbe ora se si venisse a sapere che quei coronavirus iniettati sono proprio essi la causa dell’epidemia 2020?

Ipotizziamo una tesi: se i “coronavirus” utilizzati per creare il vaccino antinfluenzale 2019 fossero stati disattivati (a cominciare da laboratori cinesi) e per un fatale errore, si fossero geneticamente  “mutati” durante la disattivazione, rendendosi invece super attivi riguardo nuovi possibili ceppi di infezione?

Questi nuovi “vaccini” (con modifiche involontarie letali) sarebbero poi stati distribuiti nelle varie strutture che praticano vaccinazione preventiva.

Solitamente sono le persone più a rischio a cui viene consigliato di vaccinarsi  preventivamente, quali gli anziani debilitati con patologie pregresse. In certe località ci sarebbero state maggiori vaccinazioni di altre località.

A causa dell’errore entro la composizione vaccinale, si sarebbe dunque assistito ad una maggiore mortalità in quelle zone del mondo, in cui è stata approntata maggiore prevenzione. Le località con più decessi sarebbero quelle in cui sono stati praticate più vaccinazioni influenzali. Ecco perché tanti decessi fra anziani debilitati.

L’infezione sarebbe quindi partita da individui in cui era stato inoculato preventivamente il “virus disattivato”,  i quali a loro volta hanno poi diffuso l’infezione trasmettendola per via orale ad altri individui con cui sono venuti a contatto.

Errore umano?

Ipotizzando un errore umano in questo evento pandemico, in tal modo “cadrebbe” ogni malignità e complotto da parte di qualsiasi tesi che sostenga “cospirazione” di individui o società che intenzionalmente hanno creato la pandemia per i loro interessi.

Ci si troverebbe davanti ad un errore non giustificabile, ma ammissibile.

É probabile che molti novax o cospirazionisti abbiamo già pensato a quello che io scrivo. Quale é la differenza ? Che essi credono sia stata intenzionalmente voluta, l’infezione.

Ci sono invece possibilità di pensare razionalmente e oggettivamente che questa “infezione” sia stata involontaria.

Tuttavia, gli errori non fanno parte della fatalità.

La scienza spirituale, potrebbe dire: “quando accade un errore umano, non è mai un “caso” ma è perché si è creata la possibilità (un vuoto di coscienza) affinchè entità ostacolanti possano penetrare entro l’evoluzione umana”.

Quindi nella genesi dell’epidemia non si può né sostenere la tesi di una “fatalità” né quella di una intenzionale “malignità” da parte del genere umano.

Si può pensare ad un azione “correttiva” che l’economia del cosmo ha inserito per ripristinare un ordine che stavo portando verso un caos dell’etica e della coscienza.

Entità spirituali superiori –quelle che operano in ogni vicenda umana- contemplando la degenerazione della coscienza umana, hanno permesso ad altre entità spirituali inferiori, di poter agire come potere di grande interferenza, per suscitare un “risveglio” globale a mezzo di una epidemia.

Queste entità irregolari, inferiori, avrebbero permesso l’accadere dell’errore di laboratorio, la creazione del virus pandemico.

Riguarda la “fine della pandemia”

 Già a metà aprile – in tempi in cui si poteva apparire solo come illusi visionari- avevo “proposto” (predetto è una parola impropria) una possibile “sparizione” del virus entro il solstizio d’estate, legato ad influssi planetari: questa “fine del virus” oggi sembra venire confermata da diversi virologi.

Essi dicono che ogni organismo, anche virale, tende a crearsi un ambiente abitativo (in questo caso è l’uomo stesso) in cui poter trovare occasioni di sopravvivenza. Un virus che distruggesse l’umanità arriverebbe a distruggere anche se stesso, dato che toglierebbe di mezzo le basi su cui esistere. La Natura tende ad adattarsi, per creare condizioni favorevoli: essa cambia, muta, diminuendo la sua letalità, la sua aggressività.

Il virus nel giro di 3-4 settimane “sperimenta” ed elabora (progressivamente in ogni parte del mondo) i corpi umani in cui penetra, sino a cambiare il suo essere, in favore di una migliore reciproca possibilità “abitativa”. Questo sta avvenendo progressivamente in ogni latitudine mondiale.

Al termine di questo periodo di mutazione, esso diviene simile ad altri virus influenzali, rendendo possibile la convivenza fra lui stesso e l’uomo.

A tutt’oggi nei tamponi fatti, il virus ha oltre che dimezzato la carica infettiva.

Il virus tornerà quindi in futuro, ma sarà annoverato fra i ceppi già conosciuti, e sarà della stessa ridotta letalità degli altri.

Non vi sarà più bisogno di misure protettive come le attuali, ma di comuni norme di igiene e di prevenzione.

Conservarne in futuro alcune (come l’uso della mascherina in luoghi sovraffollati), anziché vaccinarsi (visto il dramma che potrebbe essere stato causato dalla precedente vaccinazione antinfluenzale), è una buona idea soprattutto per le persone con patologie, quindi più a rischio.

Tiziano Bellucci

LO “SCUDO” DELLA CONOSCENZA SPIRITUALE

Postato il Aggiornato il

LO “SCUDO” DELLA CONOSCENZA SPIRITUALE

Proposte FORMATIVE: 3 corsi di esoterismo da casa

A cura di Tiziano Bellucci

*Offerta emergenza 2020 a costo ridotto*

C’è chi sostiene che il materialismo e la superficialità abbiano creato gli accadimenti attuali. Fortificarsi nel pensare e nel sentire tramite la conoscenza esoterica è offrire un sostegno, un fondamento e una base sana all’anima in questo periodo di incertezze e insicurezze.


*LA RINASCITA DALL’ACQUA E LO SVILUPPO DEI SENSI SUPERIORI:

“Come si conseguono conoscenze dei mondi superiori?”

A cura di Tiziano Bellucci, ricercatore, antroposofo

SEMINARIO pratico INTENSIVO DI 3 GIORNI tenuto a Scandicci il 24- 27 Giugno 2016

Esercizi di concentrazione, meditazione, contemplazione secondo la scienza spirituale di R. Steiner.

10 files audio di 90 minuti l’uno.

Programma tenuto:
il venerdì
ore 21 conferenza: “la rinascita dall’acqua e dal fuoco di Giovanni Battista e i misteri dell’estate”

il Sabato

– mattina, ore 9: “La luce invisibile”, esercizi di concentrazione per lo sviluppo della facoltà immaginativa o coscienza eterica

Pomeriggio pratiche meditative all’aperto.
Ore 20.30 seminario retrospettivo con domande, sulla giornata e gli esercizi

La Domenica
mattina, ore 9: “La parola impronunciabile”, esercizi di meditazione per lo sviluppo della facoltà ispirativa o coscienza astrale
– ore 15,30 pratiche meditative all’aperto.
– Ore 20.30 seminario retrospettivo con domande, sulla giornata e gli esercizi

Il Lunedì
mattina, ore 9: “la coscienza priva di oggetto di conoscenza ”, esercizi di concentrazione per lo sviluppo della facoltà intuitiva o coscienza spirituale, per intuire il proprio destino
– ore 15,30 Plenum e riflessioni sulle esperienze e il lavoro svolto
– ore 17.30 saluti e chiusura del ritiro.

SEMINARIO pratico INTENSIVO DI 3 GIORNI: Costo 70 euro.

*L’ACCORDATURA PLANETARIA:

Come ricordarsi e riaccordare il destino “scordato” . Percorso musicale e di canto, di terapia artistica e conoscenza esoterica di 3 giornate tenuto a Pianoro (BO) in Luglio 2019.

3 giornate: 12 Files di 90 minuti l’uno.

SEMINARIO ARTISTICO MUSICALE PRATICO CON PRINCIPI TERAPEUTICI

a cura di Tiziano Bellucci, musicista antroposofo

Suonare e cantare le antiche scale delle armonie planetarie, secondo la tradizione occidentale.

 Ri-accordarsi e ri-equilibrarsi con il cosmo

Rivolto a tutti, a neofiti, ma anche a professionisti, a ricercatori del naturale.

 Il Venerdi:
Ore 16 saluto di benvenuto, sistemazione in alloggi

Ore 17,00- 19 La Musicha perduta e il ritrovamento del LOGOS originario COSA è musica. Da dove viene? Quale è il suo ruolo? teoria musicale e musica esoterica (PARTE 1) Musica, rumore e suono, tono e frequenza. Nozioni generali di teoria musicale. Analisi della provenienza umana secondo le filosofie legate al “Logos” o suono

20.30 – 22.00: teoria musicale e musica esoterica (PARTE 2)

Saluto notturno: esercizio di salita al monte

Il Sabato:
MATTINO ore 9.30:

canto mantram planetari.

Costituzione occulta e musicale dell’uomo parte prima: intervalli musicali ed evoluzione della coscienza.

11.30 – 13: 30 Costituzione occulta e musicale dell’uomo parte seconda espressione delle scale musicali nel divenire delle epoche storiche

POMERIGGIO Ore 15: canto mantram planetari.  La pratica dell’accordare Lyra, Cetra, Arpa secondo gli antichi modi greci  Lezione di “accordatura planetaria”: teoria e pratica della musica. La tonica individuale

00 METODO-IL SUONO DELLA VITA -Formazione- MANTRAM E SCALE

Ore 17 – 19: Le scale “pitagoriche: i “modi” greci planetari. La musica ponte fra terra e cielo, sulla scala musicale. La musica indicatrice di livello di coscienza Gli strumenti musicali. il concetto di salute e malattia secondo la scienza spirituale

00 METODO-IL SUONO DELLA VITA -Formazione- MANTRAM E SCALE- Malattia e guarigione

SERA Ore 20.30 – 22: esibizione musiche e brani esoterici.  Il viaggio dell’uomo nei mondi spirituali, NELL’ALDILA’ i mondi planetari, le regioni del mondo spirituale,

Saluto notturno: retrospezione serale oppure biografia affettiva

La Domenica: ore 9.30 – 11: canto mantram planetari. Evoluzione dell’uomo e del mondo. Meditazione. 3° Lezione di accordatura planetaria. Gli archetipi dei pianeti. La musica vorrebbe ricordare l’origine e la natura cosmica dell’uomo, all’uomo stesso.
11.30 – 13: La musica del futuro.

Ore 15 – 16.30 : esercitazioni pratiche musicali e canto, approfondimenti sull’accordatura

Ore 17 PLENUM con domande

3 giornate, 12 Files di 90 minuti l’uno: Costo 90 euro

INVITO ALLO STUDIO ESOTERICO DA CASA:

rivolto a tutti, a neofiti, a ricercatori di sè

Questo periodo può essere ottimale per occuparsi della propria formazione e sviluppo spirituale: per la crescita interiore.

Si tratta di un percorso di conoscenza e di autoeducazione che trae le sue indicazioni dalla Scienza dello Spirito: i fondamenti, le basi della scienza dello spirito di R. Steiner.

Vengono offerte conoscenze per ampliare l’orizzonte della vita e le finalità esistenziali, per approfondire ed arricchire le relazioni, la comprensione del proprio ruolo e dell’altro uomo nel divenire della società.

I grandi mutamenti attuali indicano il sopravvenire di una società globale più etica che comporta una crescita umana, basata su un armonico modello di benessere psicofisico e sulla realizzazione di una chiara consapevolezza di sé.

Si tratta di 8 incontri audio di 7 ore ciascuno con immagini e power point, tenuti da Tiziano Bellucci

Aderendo all’iniziativa si riceverà un link dove scaricare l’intera serie di seminari :

PANORAMICA ARGOMENTI DEL PERCORSO:

1° incontro Lo sviluppo occulto dell’uomo nelle sue parti costitutive. L’aura umana.  Corpo fisico, corpo eterico, corpo astrale (3 anime) e organizzazione dell’io. Manas, Budhi, Atma”. La trasformazione dei veicoli inferiori in facoltà superiori.

2° incontro L’enigma del sonno, del sogno e della morte. L’esperienze dell’uomo oltre la soglia. Purificazione ed elevazione. Il viaggio planetario dell’anima nelle varie sfere. La mezzanotte cosmica. Il ritorno verso la Terra. La legge del destino e delle vite terrene ripetute.

3° incontro  Preistoria dell’umanità. Evoluzione dell’uomo e del mondo. La preistoria cosmica dell’umanità: EVOLUZIONE COSMICA. La creazione del mondo e dell’uomo. Origine del sistema solare: incarnazioni planetarie di antico Saturno: origine del calore. Antico Sole: aria e luce. Antica Luna: acqua e processi chimici. Terra: materia dura, etere vitale. Ere terrestri passate (lemurica e atlantidea),epoca di cultura presenti e future. L’uomo androgino del futuro

.4° incontro dL’origine del male. Nessi karmici e libertà: come agisce il destino? La legge del contrappasso.  Le forze dell’obbligo o della necessità (gerarchie)le forze del libero arbitrio (Lucifero e Arimane)  Il significato esoterico del perdono (Cristo)  L’Iniziazione: tecniche di liberazione dal destino

5° incontro L’arte e il suo significato nel mondo umani.  Le 7 arti: architettura, scultura, pittura, musica, danza, poesia, teatro. Esperienze pratiche e conoscitive.

6° incontro Il Quinto Vangelo e i 7 segni di Giovanni  Buddismo, Induismo, Gnosticismo, Islamismo, Ebraismo, quali preparazioni alla venuta dell’ io individuale nell’uomo. L’evento del Golghota come punto centrale dell’evoluzione della coscienza planetaria.

7° incontro Eros e psiche: amore, amicizia e sessualità. Quando il sesso era nutrizione. Storia dell’origine della riproduzione e dell’amore nell’umanità.

8° incontro Malattia e guarigione: concentrazione e meditazione secondo la tradizione occidentale. Venerazione e calma interiore. Preparazione ed Illuminazione . Controllo di pensieri e sentimenti: esercizi immaginativi. Coscienza ispirativa: l’ascoltare occulto, vuoto interiore o lettura della scrittura occulta. Meditazione. Coscienza intuitiva: diventare l’altro.  Il mistero del doppio e il piccolo e grande Guardiano della Soglia.

Per info: 348 065 98 27 unicornos@hotmail.it

8 giornate, con incontri audio di 7 ore ciascuno, Costo: 200 euro

PANORAMICA:

*LA RINASCITA DALL’ACQUA E LO SVILUPPO DEI SENSI SUPERIORI, 2 GIORNI: 70 euro

*L’ACCORDATURA PLANETARIA: 3 giornate 90 euro

*STUDIO ESOTERICO DA CASA:  8 giornate, con incontri audio di 7 ore ciascuno, Costo: 200 euro

16 discount on a white stock illustration. Illustration of percent ...E’ previsto uno sconto del 17% nel caso si acquisti l’intero pacchetto di 3 seminari

70+90+200= 360 sconto 17%= 299 euro TOTALE

si prega di selezionare l’opzione sotto


PER RICHIEDERE I PERCORSI USARE IL MODULO SEGUENTE:

Aderendo all’iniziativa si riceverà un link dove scaricare il seminario richiesto. Il pagamento può essere effettuato (entro una settimana)  solo dopo aver ricevuto e verificato il materiale

 

Se si vuole fare un test, questo è un esempio del link che si riceverà:  https://drive.google.com/file/d/0ByoXa1vuqcEnNEt5bU1wNXhGTzA/view

https://drive.google.com/file/d/0ByoXa1vuqcEnNEt5bU1wNXhGTzA/view

Se dovesse aprirsi una finestra con scritto: “impossibile riprodurre questo file nel browser” puoi ugualmente scaricare cliccando sull’icona stessa sotto, sulla scritta azzurra SCARICA, oppure cliccando sulla freccetta in alto a destra.

ULTERIORI ISTRUZIONI: Solitamente WMA è un formato riproducibile da ogni lettore PC Windows. Nel caso si avesse un MAC o un cellulare, si può scaricare il programma VLC media player, sia da web che da Smartphome (Playstore), che è compatibile con molti formati. Una volta installato VLC, conviene scaricare sempre i files audio su pc o cellulare, poi aprirli tramite il player VLC.