PENSANDO, AFFERRIAMO PER UN LEMBO LA VESTE DEL NOSTRO ANGELO CUSTODE

Postato il Aggiornato il

PENSANDO, AFFERRIAMO PER UN LEMBO LA VESTE DEL NOSTRO ANGELO CUSTODE
Immagine
L’angelo è il nostro tessuto di pensiero. E non solo.
Le entità della gerachia degli angeli forniscono il campo, la sostanza spirituale impersonale di supporto su cui possono esprimersi pensieri, sentimenti e azioni individuali. Sono una sorta di pensieri, sentimenti, volizioni impersonali, privi di connotazioni egoiche; si tratta di un pensare, sentire e volere di gruppo, di induzioni all’automatismo, più simili al pensare, sentire e volere animale, vegetale ossia più “naturale”.
Gli angeli con la loro stessa sostanza astrale, eterica e spirituale pervadono e compenetrano gli uomini; tale sostanza diviene il tessuto su cui gli umani possono pensare, sentire e volere in modo personale. Nel momento in cui l’uomo usufruisce di questo loro “supporto” spirituale impersonale, vi imprime a causa della particolare natura individualista del suo Io, una vibrazione impregnata di carattere egoico. In altri termini, nel momento in cui l’uomo si forma un pensiero o un sentimento, o compie un’atto, tale fatto “scuote” la sostanza astrale di proprietà dell’angelo e questo “scuotimento” vibrazionale viene registrato dall’angelo stesso come la percezione della sua sostanza in attività, manifesta.

Gli angeli hanno una coscienza diversa rispetto all’uomo. Gli angeli non sono liberi di avere un’esperienza interiore personale: se potessero averla, l’ingranaggio del cosmo s’incaglierebbe nell’arbitrio di qualcuno. Essi sono abilitati soltanto a riprodurre in modo perfetto le direttive che ricevono entro la loro interiorità (mondi più elevati). Le entità angeliche non sono abilitate a poter percepire qualcosa in modo tipicamente umano, ossia a mezzo dell’attività di un soggetto e un oggetto; essendo il mondo esterno (uomo compreso) parte di loro stessi, possono solo cogliere (ascoltando se stessi) una manifestazione, o meglio una presenza della loro stessa essenza. E’ come se un uomo, tentasse di osservare i suoi ricordi, i suoi stati d’animo; più che un “vederli” avvertirebbe un “sentirli”: non li registrerebbe come una percezione, ma come una manifestazione di parti (sottili, mnemoniche o animiche) di se stesso che affiorano alla sua coscienza. Come alzando il braccio abbiamo la percezione di avere il braccio oppure sbattendo il piede sentiamo il nostro piede, allo stesso modo quando un pensiero viene pensato da un uomo, l’angelo avverte come una modificazione entro il suo essere animico, entro la sua interiorità.

In realtà noi siamo protetti dall’ordinamento del mondo dallo sperimentare nella loro intierezza le entità e i processi spirituali che ci circondano.
Una grande somma di quelle stesse potenti immaginazioni ci appartengono pure: sono parte del nostro essere spirituale; fanno parte di una serie di forze che sono creativamente attive in noi: il nostro Io spirituale. Così come è costituito, l’uomo fisico è impossibilitato ad accogliere in sè pensieri viventi.
Nella vita ordinaria vi è “qualcosa” che ci protegge dall’esperienza di quelle stesse forze che ci appartengono, ma che non possiamo percepire direttamente, che altrimenti ci causerebbero una folgorazione. Ciononostante dobbiamo usarle, farci compenetrare da esse per poter essere ciò che siamo come umani; vi è qualcosa sopra di noi che come un filtro, è capace di accogliere nella loro titanica potenza le nostre stesse immaginazioni (i pensieri viventi del nostro Io) per poi trasmutarle in modo che possano giungere alla nostra interiorità in forma diminuita, ossia sotto forma di pensieri, rappresentazioni, sentimenti e volontà.
In realtà in ogni momento in cui pensiamo, sentiamo o vogliamo, sopra di noi opera un essere che ci sottrae la potenza di ciò che come una sorta di Luce spirituale viene promanato a noi dal nostro Io spirituale, la quale se giungesse a noi direttamente, ci ucciderebbe.
Mentre pensiamo o osserviamo una cosa, ci occorre poter usufruire della potenza di Luce del nostro Io; anche in ogni cosa che ci appare presente nel mondo esterno è insita una immaginazione spirituale: il pensiero vivente di un essere. Se essa entrasse in noi nella sua intierezza noi non potremmo sopportarla: così come non ci è possibile guardare il sole, senza proteggerci gli occhi.
In ogni attimo della vita di percezione diurna, vi è un essere che ci protegge, che modifica la prorompente sostanza di Vita che da ogni parte del mondo irraggia in noi e verso di noi.
Tale essere è il nostro Angelo. Esso protegge e controlla ciò che non siamo in grado di eseguire: ciò che a noi giunge come pensieri e rappresentazioni non è altro che l’ombra, il riflesso di ciò che in forma diminuita, corrisponde alla reale natura di un pensiero vivente.
L’Angelo fa rispecchiare entro il suo corpo eterico le immaginazioni, per inviarle poi verso il corpo fisico dell’uomo: a sua volta esso le rispecchia nuovamente. L’immaginazione passa così attraverso due filtri: uno eterico e uno fisico.

Cliccare sotto sul banner per leggere molteplici articoli in tema, sul BLOG Unicornos :

cacoon2a

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...