LE 3 CLASSI DELLA SCUOLA DELL’AMORE

Postato il

LE 3 CLASSI DELLA SCUOLA DELL’AMORE

Dantis Amor 1860 Dante Gabriel Rossetti 1828-1882 Presented by F. Treharne James 1920 http://www.tate.org.uk/art/work/N03532

IL MITO DELL’ANDROGINO

Il mito dell’androgino racconta di un tempo in cui l’uomo era un essere sia maschile che femminile: aveva in sé entrambe i generi e i caratteri. Questo essere era molto potente e faceva paura a Giove, il quale fece in modo di diminuirlo di potenza: separò il maschile dal femminile in due individui distinti.I due esseri divisi in due, si cercavano, e quando si abbracciavano rimanevano uniti senza più fare nulla. Morivano di inedia. L’umanità andava incontro all’estinzione.
Giove fece mettere a Mercurio due organi sessuali ad uno e l’altro, in modo che quando si incontrassero, potessero generare un simile.
La natura dell’uomo è quindi unitaria. Da sempre egli persegue questa unità perduta. A questa “brama di interezza”, volta a ripristinare l’unità, si dà il nome di “amore”.

 

IL MITO DI EROS E PSYCHE
Psyche è una ragazza bellissima che attira le invidie di Venere, perché ella viene paragonata ad una Dea. Venere incarica suo figlio Eros di fare innamorare con le sue frecce Psyche di un uomo orrendo, mostruoso.
Ma mentre Eros star per scoccare la freccia, rimane punto dal suo stesso dardo e così si innamora perdutamente di Psyche.
Di nascosto dalla madre, rapisce Psyche in un palazzo e la obbliga ad incontrarlo ogni notte. Egli si unisce a lei in amplessi amorosi e romantici, senza però permettere a Psiche di poterlo vedere. Tutto si svolge nel buio completo. Al mattino Eros se ne va prima delle luci dell’alba.
Psyche vuole però vedere l’aspetto del suo amante. Mentre Eros dorme, una notte ella accende una lampada e lo vede. Un Dio stupendo. Ma una goccia dell’olio della lampada cade sulla coscia di Eros ed egli si desta, scoprendo il tutto. Eros, indignato, scappa e sparisce da Psyche.
Psyche viene scoperta da Venere, la quale in cambio della sua morte, chiede di sottostare a 3 prove.
Psyche le supera. Ma tuttavia muore. Eros riesce a farla risuscitare tramite il Dio del tempo e la rende sua sposa, per l’eternità.

La favola della Bella e della Bestia

Una strega scatenò un incantesimo verso un principe che era molto superbo, tramutandolo in una bestia orrenda. Solo chi lo avesse amato, al di là del suo aspetto avrebbe sciolto la magia.
Una rosa avrebbe scandito il tempo. Ogni giorno un suo petalo sarebbe caduto: quando la rosa avesse perduto tutti i petali, il principe sarebbe morto, rimanendo una bestia.
Una ragazza viene rapita dalla bestia, la quale è molto gentile con lei, le offre ogni ben di Dio, affinché potesse sposarlo. Ma lei rifiuta. Il padre della Bella si ammala, ella riesce ad ottenere il permesso dalla Bestia di uscire dal castello. Il tempo passa e la rosa perde i petali. Ne rimane solo uno. La Bestia sta morendo. Bella è mossa a compassione e sente che se fosse morto, lei avrebbe sofferto: si accorge che lo ama. Questo rompe l’incantesimo: la Bestia si tramuta in un bellissimo principe. E i due si sposano.

Questi tre racconti mitici, hanno un legame: esprimono l’evoluzione dell’amore sulla terra.

Il primo mito parla della nascita dell’amore carnale, dell’amore sessuale, degli istinti del corpo.
Il secondo parla dell’amore sentimentale, delle passioni dell’anima.
Il terzo dell’amore spirituale, dell’io.

Nell’androgino, gli umani sentono l’impulso a cercarsi gli uni con gli altri, per istinto conservativo della specie. E’ l’amore solo sessuale, che chiede al consorzio umano di riprodursi. Non ci sono sentimenti, ma solo impulsi. Nasce il mito dell’anima gemella, dell’eterna ricerca di un essere complementare, che possa “compensare” il bisogno di sentirsi una “metà”.

In Eros e Psyche l’umano comincia a mischiare il sesso con i sentimenti.
Ogni notte ogni uomo, ogni anima umana si incontra con il suo Angelo custode (Eros). Con lui viviamo un amore divino, che ci colma e ci riempie. Ma solo durante la notte abbiamo questo legame, questo “matrimonio” notturno. Di giorno ci svegliamo, ci dimentichiamo di questo, ma ce ne rimane un cruciale presentimento: una mancanza che andiamo a compensare cercando nel mondo “un potenziale angelo” , un anima gemella, con la quale cerchiamo di “surrogare” l’amore notturno vissuto con il nostro angelo. Il nostro compagno, marito è in realtà il nostro bisogno diurno di riempire la mancanza dell’amore notturno del nostro angelo.
E’ l’angelo che ci spinge a cercare e a credere esista “una copia” di angelo, tra gli umani.

Nella fiaba della Bella e della Bestia, l’anima umana vede sola la bruttezza della materia, e a tutta prima ne è spaventata; ma riesce poi a superarla, scoprendo la bellezza interiore che abita dentro il corpo materiale umano: lo spirito.
L’anima è divenuta capace di non farsi comandare dagli istinti sessuali del corpo, dalle passioni illusorie dell’anima che cercano un surrogato nell’altro umano. Riesce a scoprire nell’essere umano (Bestia) un essere divino, come creatura in divenire. Non cerca l’altra metà compensatrice, né cerca il suo angelo tramite l’altro, ma si innamora dello spirito umano. Mentre prima è amore dei corpi e dell’anima, questo è vero amore. Amore per l’uomo.

Il corpo dell’androgino ci ha insegnato a riconoscere il sesso come strumento procreativo: l’anima ci ha fatto scoprire che è il nostro angelo custode colui che ci ama; Lo spirito ci ha portato a riconoscere nell’altro il suo spirito, come angelo umano in divenire.
Sono tre livelli di amore: del corpo, dell’angelo custode, dell’angelo umano.
Ora possiamo amare il corpo, scoprire l’angelo in noi e intuire l’angelo in divenire nello spirito dell’altro.

Meravigliati della bellezza e della potenza che vive in ogni umano.

Tiziano Bellucci

Annunci

2 pensieri riguardo “LE 3 CLASSI DELLA SCUOLA DELL’AMORE

    Giulio Dallari ha detto:
    09/04/2017 alle 11:03 am

    Grazie Tiziano, non sapevo che la favola della Bella e la Bestia avesse un significato esoterico. Ma forse, ovunque ci sia una favola che racconta di una morte e/o di una rinascita, si tratta sempre di una rinascita spirituale. Io interpreto cosi’ anche il film Avatar, nel quale alla fine lo spirito del protagonista viene trasferito dal suo corpo malato nel corpo dell’Avatar tramite Eywa: l’albero della vita!

    Antonella Mennuni ha detto:
    09/04/2017 alle 4:49 pm

    Meraviglioso Tiziano! Con i tuoi contributi arricchisci il mio sapere.
    Con gratitudine.
    Antonella (Il mio sito web è momentaneamente fuori servizio)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...