Mese: giugno 2017

VACCINAZIONE GLOBALE: OBBLIGATORIA O FACOLTATIVA?

Postato il Aggiornato il

VACCINAZIONE GLOBALE: OBBLIGATORIA O FACOLTATIVA?

Perché si è arrivati ad imporre una decisione così categorica riguardo l’obbligo di vaccinazione?

Ecco cosa dice il ministro della salute: Abbiamo flussi di milioni di persone che provengono anche da Paesi in guerra, da luoghi in cui queste epidemie ci sono. Ci sono in Nordafrica, nell’Est. Non si fa politica sulla sanità, non si fa politica sulla pelle delle persone, non si fa politica cercando consenso o seminando terrore. Questo è profondamente sbagliato sempre, diventa drammatico quando si tratta il tema salute. Viviamo in un contesto geopolitico completamente diverso da quello di 20 anni fa. Abbiamo quindi delle situazioni che dobbiamo monitorare”.

Secondo la Lorenzin, le ondate migratorie potrebbero essere causa della diffusione di epidemie.  E di conseguenza si è arrivati ad imporre una vaccinazione globale.

L’Università degli Studi di Firenze – presenta uno studio in cui compare un particolare rischio in probabile connessione con le ondate migratorie rispetto ad alcune malattie infettive prevenibili con la vaccinazione, come il morbillo, la rosolia congenita e l’Epatite. Anche il pericolo meningite sembra poter avere una connessione.

Nel caso del migrante, il rischio di riattivazione dell’infezione una volta a destinazione è più elevato a causa di una serie di fattori: le condizioni di vita (denutrizione o cattiva nutrizione, scarsa igiene), di lavoro e di alloggio (permanenza in luoghi chiusi, sovraffollati e scarsamente arieggiati e illuminati).

Sappiamo che si può essere tacciati di xenofobia e di  schieramento dalla parte delle istituzioni: ma non è così. Chi studia scienza spirituale conosce il ruolo della malattia come impulso di superamento dell’io nei confronti delle corrente ereditarie, e sa che le epidemie e i contagi sono correlati alla legge del destino. Se sulla terra appare una data infezione, è perché qualcosa dal mondo umano suscita un effetto compensatorio che ritorna dal mondo spirituale, come epidemia.

Ma il ricercatore spirituale sa anche che così come il mondo spirituale invia malattie, virus (peste, lebbra, malaria) per  compensare ed  educare il genere umano, quando avviene un superamento e quindi un evoluzione della coscienza umana, fornisce anche i rimedi. I medicamenti e i vaccini provengono da intuizioni, ispirazioni che il mondo spirituale stesso invia ad un dato ricercatore, affinchè egli possa poi metterlo a disposizione dell’umanità.

Anche se vi sono certo implicazioni di danaro, il motivo principale del perché si è ricorso a “vaccinare in massa” è a causa della continua penetrazione di immigrati che non essendo stati vaccinati, provengono da parti del mondo dove vi sono epidemie, portando con sé potenziali germi e virus.
Questo non è un problema filosofico. Ma di sopravvivenza.

Se non vi fossero stati miriadi di profughi, non si sarebbe presentato il problema di dovere fare della profilassi e quindi non si sarebbe mai arrivati a questo tipo di imposizione.
Ora, di solito il problema deve venire risolto da chi porta il problema.
Se io porto il pericolo di contaminare, devo vaccinarmi.
Non lo si dice perché si è contro l’immigrazione.
Si sta solo cercando di andare oltre al buonismo e al complottismo.

Siano benvenuti i migranti, sono fratelli: ma è bene distinguere che essi non vengono in Italia in una condizione di libertà, ma di dipendenza da uno stato di necessità di vita che li obbliga a fuggire dai loro territori.  Quindi il loro moto non parte da una loro scelta libera, ma da un’imposizione di destino

Il problema dell’attuale diatriba sui vaccini è certo un problema di prevenzione, ma è soprattutto un problema di libertà.  La libertà non é qualcosa che si ottiene come dato di fatto. Occorre conquistarla. Nessuno nasce libero. E per farlo bisogna prima sottomettersi a delle regole, che insegnino a divenire liberi.

Nessun allarmismo e, soprattutto, nessun razzismo. I dati parlano e la preoccupazione è lecita. L’esodo di immigrati, potrebbe creare un reale pericolo futuro di diffusione di virus.

L’autore di questo articolo non è favorevole alla vaccinazione di massa obbligatoria,  soprattutto riguardo le malattie esantematiche attribuendo ad esse un ruolo importante (vedi il link youtube sotto): ma non è sfavorevole alla vaccinazione per altre forme virali come la poliomelite, la difterite e l’epatite.

Riguardo il problema dell’obbligo di vaccinazione egli sente che questo dovrebbe essere rivolto ai profughi, mentre dovrebbe rimanere facoltativo per gli italiani. Al di là delle polemiche la libertà dovrebbe essere lasciata al popolo che risiede in Italia, e l’obbligo a chi proviene da luoghi del mondo privi di profilassi.

 

Tiziano Bellucci

Sul ruolo e il significato delle  malattie esantematiche https://youtu.be/ISG6-YjjTwI

L’espulsione dei regni fisici. Le nuovi “SPECIE “umane del futuro.”I BUONI E I MALVAGI”

Postato il

L’espulsione dei regni fisici. Le nuovi “SPECIE “umane del futuro.”I BUONI E I MALVAGI”

L’espulsione del mondo vegetale e minerale

Vi sono molluschi che costruiscono il loro guscio secernendo una particolare sostanza; con grande saggezza modellano il duro involucro esterno, il quale prima era sostanza viva e molle parte interna dell’animale. Ciò che è ora la protezione esteriore, era prima al suo interiore.
Allo stesso modo la crosta terrestre che ci circonda, la parte minerale su cui poggiamo i piedi, è da ritenersi come una sorta di sostanza che prima era una parte interiore dell’uomo molle e vivente che si è indurita nei millenni, divenendo così come una “conchiglia”. Come il baco da seta “fila” fuori di sé la seta, l’uomo “tesseva” la trama del mondo, gli involucri dei regni. Un guscio e un vestito emesso dall’uomo primordiale, dall’essere umano Adamico.

In realtà, tutto il mondo si è edificato in virtù da un processo di secrezione, di espulsione da parte dell’essere umano.

Un tempo ogni sostanza che appare fuori nel mondo era dentro l’uomo. Si trattava di sostanza con una consistenza dissimile da ora: una parte di essa venne come abbandonata dall’essere umano. Tale sostanza venne “presa” da altre entità spirituali che cominciarono a utilizzarla come loro involucro. Essa e si “cristallizzò”. Queste entità sono gli attuali “spiriti di gruppo” o “archetipo” del minerale, del vegetale. I “Geni” della roccia, del cristallo, del marmo, cominciarono a lavorare sulla sostnza umana estratta, abbandonata dall’uomo. I “Geni” delle piante, della quercia, del salice, si misero all’opera per costituire i mondi del verde.

 

L’espulsione del mondo animale

Dapprima una parte di sostanza umana venne dunque devoluta per creare la base, l’ambiente minerale e vegetale. Divenne il mondo delle rocce e delle piante. Ci fu un tempo in cui non esisteva nessuna specie animale sulla terra.
Infatti esisteva solo l’essere umano e oltre a lui, le piante e i sassi. L’uomo era un essere unitario (ADAMO), che racchiudeva potenzialmente in sè  anche tutte le creature dei regni animali che sarebbero poi apparse sulla terra. Si trattava di una particolare “specie” costituita di innumerevoli esemplari, ma costituita in involucri molto diversi dall’attuale forma umana. Questi “involucri umani” dovettero venire ulteriormente suddivisi e separati, per altri scopi, non umani.

Una parte di sostanza umana si separò dall’essere umano ADAMITICO e divenne il mondo degli esseri acquatici, marini: i pesci.
Poi venne espulsa la sostanza che divenne il mondo aereo degli uccelli.
Seguirono poi da parte dell’uomo ADAMO l’espulsione di giganteschi rettili e anfibi.
Infine venne espulsa una sostanza che divenne il regno dei mammiferi e per ultimo, delle scimmie.

Dopo tali “emissioni” o raffinazioni, l’essere umano giunse ad essere pronto per poter apparire nella sua forma umana, apparendo gradatamente come lo vediamo oggi.

L’uomo fu sempre uomo fin da principio e mai fu scimmia: quest’ultima è un uomo “mancato”.

Come se tutto fosse stato parte di un liquido colorato, l’uomo dovette estrarre da se stesso le sostanze che davano il colore alla sostanza generale, affinchè potesse divenire limpido e trasparente: senza elementi che gli dessero torbidità o opacità.

Noi siamo al contempo i “produttori e i contemplatori del mondo circostante: esso una volta era parte di noi. Densificato e concretato nelle altre creature.

L’espulsione del regni umani futuri

Ma così come l’uomo ha dovuto espellere da sè i vari regni, per poter raffinarsi e diventare ciò che è, allo stesso modo in futuro l’umanità dovrà emettere da sè ciò che vi è di male e di bene. Apparirà un umanità “buona” e una “cattiva”. Avverrà una ultima, definitiva e cruciale raffinazione.
Come dice l’Apocalisse.

L’umanità è chiamata ad un elevazione verso la santità, al bene e alla fraternità assoluta.
Può sembrare paradossale, ma perchè questo possa essere conseguito, deve necessariamente prodursi un eccesso di male.
Il male deve essere trasformato in bene.
La forza di divenire “santa” l’umanità la potrà prendere solo dal confronto con il male, dal suo superamento.

Anche i campi devono essere concimati con letame nauseabondi, di sostanza in putrefazione. Allo stesso modo l’umanità ha bisogno del concime del male per poter giungere alle vette della santità.Questa è la missione dell’uomo.

Ciò che non si trasformerà e rimarrà solo letame, non potrà continuare ad essere umano. Decaderà in una forma di esistenza e di coscienza inferiore. Molte tradizioni la chiamano: inferno.

Ciononostante il male ha il compito di far ascendere l’umanità.
Solo grazie ad alcuni che non si salveranno (per loro arbitrio), molti potranno salvarsi.
Questo è al contempo il vero agire di una libertà vera, che non predestina nè buoni nè cattivi.
Ho ognuno ha la libertà di salvarsi o di dannarsi.

Più tardi, tuttavia gli uomini “santificati” potranno accingersi a redimere le creature da lui cacciate verso il basso e a spese delle quali si è evoluto.

 

Rielaborazioni da O.O 95, Ottava conferenza, R. Steiner.
Tiziano Bellucci

“L’ACCORDATURA PLANETARIA”

Postato il

L’ACCORDATURA PLANETARIA

Armonizzare corpo e mente con il suono

Domenica 25 giugno

 via Agucchi 121/12 BOLOGNA

dalle 10 alle 17

 Presentazione di un nuovo metodo di “riequilibrio” attraverso l’uso di sette armonie planetarie, a cura di Tiziano Bellucci. Esecuzione strumentale, canto ed esposizione della tecnica.

 

Seminario rivolto a musicisti, terapeuti, medici, operatori sanitari, a ricercatori del naturale

 

“Quando l’anima si incarna sulla Terra, avvengono due processi. Da un lato essa accoglie –traendole dal cosmo- i germi per la configurazione sana di ognuno dei suoi futuri organi fisici. Al contempo – in ogni sfera planetaria-  assume un impegno: di elevarsi operando per lo sviluppo morale del suo essere, accordandosi di sottoporsi a determinate prove con altre anime che poi andrà ad incontrare successivamente durante la vita.

Una volta giunta sulla terra l’anima può però dimenticare, “scordare” determinati impegni presi, e perdendo l’intonazione con le sue guide planetarie nel cosmo, entra in una “disarmonia”.  Questo si riversa sulla costituzione di un corrispondente organo, causando una specifica malattia. Di fatto, ogni patologia che si presenta è una “dimenticanza” che è causa di stonatura fra il corpo e il suo Archetipo nel cosmo.

Ogni  patologia è quindi un “problema musicale” di dissonanza, di scordatura o disattenzione. Il potere della vibrazione fa affiorare determinate “memorie dimenticate” che sono presenti entro gli organi vitali, favorendo una “ri-accordatura” con il pianeta connesso all’organo squilibrato.

L’accordatura planetaria è un nuovo metodo di “riequilibrio” attraverso l’uso di delle sette armonie planetarie; chiamate anche scale modali greche.”

Tiziano Bellucci

Per info e iscrizioni 348 065 98 27 (l’incontro non prevede un costo, ma un libero contributo a seconda del valore acquisito e delle proprie possibilità)

 


SEMINARIO IN TOSCANA:

L’ARMONIA DELLE SFERE CELESTI

Le ENTITA’ SPIRITUALI nei corpi celesti e gli esseri ELEMENTARI della Terra

Meeting presso Presso

Casa vacanze “Il Poggio”

Via del Poggio, 10,

50018 San Vincenzo A Torri Scandicci – FI

A cura de L’UNO aps

Via Raffaello Sanzio 26 – Firenze

associazioneluno@gmail.com

TEL. 392 087 6217

 

Seminario a cura di Tiziano Bellucci e Sara Campitelli

17- 18 Giugno 2017 a Torri Scandicci – FIRENZE

 

 Programma: 1° giornata

Mattino ore 10– Sviluppo delle facoltà superiori per percepire le entità –

Gli “Esseri elementari»: gnomi, ondine, silfidi, Salamandre

Ore 13 pranzo

pomeriggio ore 15esperienza di modellaggio della creta a cura di Sara Campitelli.

Ore 17– da Tolomeo a Copernico: le sedi planetarie delle gerarchie-

Ruoli, rapporti e compiti delle Gerarchie nell’uomo e nel cosmo, Spiriti ostacolatori e luciferici»

Sera ore 20.30– Gli esseri del corpo astrale della terra (entità della 3° gerarchia)

Programma 2°giornata

Mattino ore 9.30 –Le entità della 2° gerarchia: regno dell’anima o vita cosmica.

– La Prima Gerarchia: il riflesso della Volontà celeste

Ore 11 esperienza di pittura con l’acquarello a cura di Sara Campitelli.

Ore 13 pranzo

Pomeriggio ore 15.00

– Stati di coscienza delle entità superiori ed Esperienze musicali di stati di coscienza planetari

Rapporti fra Mondi superiori, anime di gruppo e regni terrestri – Il cammino dell’uomo dopo

la morte nelle sfere planetarie delle Gerarchie – L’uomo angelo della 10° gerarchia

Ore 18 chiusura

 

Per info e iscrizioni: 392-0876217 Letizia o Silvia

 

Il poggio web: http://www.il-poggio.com/it/bed-breakfast/

Google map: https://www.google.at/maps/place/43%C2%B041’59.7%22N+11%C2%B006’42.1%22E/@43.699911,11.1095103,662m/data=!3m2!1e3!4b1!4m5!3m4!1s0x0:0x0!8m2!3d43.699911!4d11.111699

 

costo completo pasti pernottamento materiale euro 200. (E’ possibile partecipare anche una sola giornata, senza pernottamento)