Iniziazione

Invito alla pratica dei 6 Esercizi di R. Steiner

Postato il Aggiornato il

Cortese ricercatore,

 con la presente vorrei invitarti ad un lavoro di sperimentazione insieme. Per favorire un lavoro di comunità anche se a distanza.

 Si tratta della pratica dei 6 esercizi complementari della scienza spirituale di Rudolf Steiner: controllo del pensare, del volere, del sentire, spregiudicatezza, positività, armonizzazione

 Gli esercizi complementari rafforzano il carattere animico del discepolo, portandolo nella giusta forma, e rendendo migliori i risultati della meditazione. Conferendo anche una protezione all’anima e al corpo durante il sonno.

Ogni esercizio è da eseguire per una settimana, per un totale di 6 settimane.

 Nel link sottostante puoi ascoltare una panoramica generale del lavoro a compiere.

 https://www.youtube.com/watch?v=l6tbAGYoJ04

https://www.youtube.com/embed/l6tbAGYoJ04“>

 Nel caso tu senta la necessità e il desiderio di partecipare, ti invierò al piu presto le indicazioni (scritte e audio) per eseguire il primo esercizio, che inizierà a partire da lunedì 15 Febbraio.

Prego chiunque volesse partecipare di darmene comunicazione entro sabato 13 Febbraio, alla mail unicornos@hotmail.it

Si comincia dunque da lunedì 15 febbraio e si proseguirà per 6 settimane seguendo la scansione dei 6 esercizi.

A causa della necessità di un “sincronismo” fra i praticanti, ovviamente non saranno possibili proroghe o “partenze” o inserimenti diversi da quelli ipotizzati. Il ciclo deve essere praticato secondo la cadenza indicata: del pensare, del volere, del sentire, spregiudicatezza, positività, armonizzazione.

 E siccome lo si vuole fare insieme, seguendo una prassi esoterica, non è desiderabile che lo si faccia secondo i propri ritmi.

 Restando in attesa di un tuo cenno.

Un caro saluto.

Tiziano Bellucci

 

QUI DI SEGUITO E’ POSSIBILE COMMENTARE,FACENDO DOMANDE O INVIANDO CONTRIBUTI IN MERITO ALLE PRATICHE SUGLI ESERCIZI

I 12 MAESTRI DELLA “CONFRATERNITA BIANCA”

Postato il Aggiornato il

Immagine
Steiner diceva che attraverso di lui parlavano i Grandi Maestri, appartenenti alla “confraternita bianca”.
I Maestri sono persone che hanno compiuto tutto il percorso evolutivo dell’umanità anticipatamente. Si tratta di 12 Maestri, 12 Fratelli maggiori, 12 guide del’umanità.  Essi non possono agire direttamente nella materia, ma solo attraverso discepoli che partecipano ad una scuola. Possono essere invocati, se necessario e accorrono in aiuto.

I vari maestri sono parti costitutive di un una sola entità, la quale contiene in sé 12 “entità”, 12 maestri: sette di questi sono sempre incarnati nell’elemento fisico, cinque permangono nella regione spirituale.
Si dice che un maestro conserva lo stesso corpo durante vari millenni. Rinasce in corpi con caratteristiche fisiche simili. La morte non esiste e non è più possibile per l’adepto: perché da molto tempo si è esercitato ed ha imparato a vivere senza il corpo.

Alcuni nomi di maestri
– Kuthumi (ispiratore della transizione fra egizi e greci)
– Hilarion ((ispiratore del periodo greco)
– Gesù di Nazareth  (ispiratore della transizione fra greci e attuali)
– Saint Germain (ispiratore della civiltà attuale)
– Morya (ispiratore della futura civiltà slava)

Il Maestro Gesù ha il compito di guidare nell’occulto l’umanità dal  quinto al sesto periodo di evoluzione, l’era dell’Acquario: il portatore d’acqua è Giovanni Battista. In questa sesta fase si generanno i “buoni”, coloro che andranno a creare il germoglio del futuro. Nella settima fase invece si svilupperà il regno del male, le “scorie”. Questa è la “pula” che verrà gettata nel fuoco.

Questa separazione fra sesta (bene) e settima (male) si sta già preparando adesso.

Il principio del’amore fraterno alimentato dal Maestro Gesù costituirà l’essenza della sesta epoca. In quei tempi futuri, la Parola, il Cristo non sarà in una sola individualità come avvenne 2000 anni fa sul Giordano, ma i singoli uomini formeranno le lettera di questa “Parola”. Ogni uomo sarà un elemento parte del Cristo, organo parte del corpo del Cristo. Quella sarà la “nuova Resurrezione” del Cristo: rivivrà nell’umanità, tramite ogni singolo uomo.