Politica, problema sociale

Quando leggere il cellulare di nascosto è magia nera

Postato il Aggiornato il

Abusare di magia per investigare le intenzioni del prossimo: anche leggere il cellulare di nascosto
Leggere di nascosto il cellulare del compagno – anche se si hanno dei sospetti- è un atto di magia nera: si “legge” nella sua anima le sue intime intenzioni, usando un mezzo elettronico.
Un mago nero legge nella mente, di nascosto. Il principio è però lo stesso: si fa magia nera tramite poteri “elettronici”. Chi viola la libertà e l’intimità di altro deve attendersi “compensazioni” dalle forze del cosmo, che vadano a “punire” un atto “Nero” come compiuto da un mago nero.
Se vogliamo risolvere le questioni, dobbiamo usare le ordinarie facoltà umane, non ricorrere ad artifizi e superpoteri.
Se “temiamo” che l’altro ci tradisca non è necessario che egli ci consegni il cellulare in segno di fiducia. Spesso c’è chi dice: “se non hai nulla da nascondere non hai nulla da temere”. Ma se qualcuno ci dicesse: “ho la capacità di entrare dentro di te, di leggere i tuoi pensieri e sentimenti. Se non hai nulla da nascondere, permettimi di entrare prenderne possesso.” Lo concederemmo?
E’ davvero interessante quanto sia “acrobatico” il pensare umano che pur davanti ad una regola occulta, sia capace di “inventarsi” giustificazioni pur di sentirsi legittimato a “spiare” la coscienza degli altri.
PER FORTUNA non tutti hanno capacità di leggere nella mente: altrimenti MOLTI la userebbero per rubare per “scrutare” nelle menti altrui.
E’ interessante come TUTTI possano essere d’accordo nel ritenere MALE leggere nel pensiero altrui: mentre per MOLTI sia ALTRA cosa spiare il cellulare o le lettere altrui: quale è la differenza?
Mi piacerebbe comprendere se si trova giusto poter spiare l’altro, se si hanno sospetti. Lo si fa per salvare l’amore reciproco o per paura di essere presi in giro?
Spiare è mancare di rispetto all’individuo: e richiama dal cosmo un azione compensatrice punitrice, che esegue per via naturale il cosmo stesso.
Qualsiasi sia la ragione, guardare -a sua insaputa- dentro l’anima dell’altro è sempre un atto di prevaricazione e di prepotenza. Se ci si vuole giustificare “inneggiando” ad una buona causa, bisognerebbe a tutta prima chiedersi se quella “buona causa” sia per il nostro bene o se per il bene dell’altro. Spesso è SOLO per timore di venire imbrogliati.
A mio parere, leggere dentro l’anima altrui -qualsiasi cosa vi sia- è un terribile senso di sfiducia che si ha nell’altro. Ci si dovrebbe chiedere: ma se ho tanta sfiducia, perchè resto qui? Voglio amare nel bene e nel male, o voglio trovare i moventi per legittimare una condanna verso l’altro che possa onorarmi del mio orgoglio di essere?
Ci sono persone che dicono: puoi leggere quando vuoi il mio cellulare, non ho nulla da nascondere: spesso queste non quelle piu morali, ma coloro che cancellano subito i messaggi sul cellulare compromettenti. Sono “furbe” non morali. Cosa facciamo quindi in questo caso?
Tiziano Bellucci
Annunci

La tecnica morale. RITORNO AL PASSATO O VERSO IL FUTURO?

Postato il Aggiornato il

La tecnica morale. RITORNO AL PASSATO O  VERSO IL FUTURO?

Sino ad un certo momento l’evoluzione si svolgeva secondo le giuste direttive dettate dai mondi superiori:  “tutto andava come doveva andare”. Il problema nacque verso la fine del 1800. Accaddero fatti spirituali che fecero precipitare entro la mente umana determinate forze:  determinati “spiriti delle tenebra” vennero a far parte della costituzione dell’uomo. Furono queste forze ad ispirare le maggiori scoperte della scienza e della tecnica.

Dal telegrafo alla locomotiva, dalla radio alla televisione, dall’automobile all’aereo, dal neon ai raggi x, dalla calcolatrice al computer. Si compì un’accelerazione evolutiva sulla base materiale, davvero impressionante, mai accaduta prima. Le scoperte avvenute e concentrare nel 1900 sinora sono immani rispetto la “media” delle invenzioni avvenute nei secoli passati.

Vennero consegnate all’umanità strumenti che mai prima d’ora erano comparsi sulla scena: tecnologie capaci di far compiere un “salto” evolutivo di benessere e di comunicazione improvviso. L’uomo si trovò d’improvviso a maneggiare dispositivi impensabili, che modificavano e semplificavano la sua vita.

Si badi bene: avvenne un salto evolutivo sulla qualità della vita, senza però tenere conto del commisurato livello di coscienza da applicarvi. Non vennero dati strumenti spirituali da affiancare allo sviluppo materiale, per poter gestire consapevolmente i sistemi tecnologici. Si perse di vista lo sviluppo interiore dell’uomo nei rapporti interattivi con gli strumenti della tecnologia.

Con un esempio banale si può dire che vennero consegnati nelle mani di bambini oggetti complessi e delicati, che avrebbe richiesto una “formazione” educativa per un uso appropriato. O del controllo genitoriale. Questa “formazione” fu disputata non necessaria e anzi, si approfittò dello scompiglio e del disordine causato da un “imperare” di immaturità cognitiva e coscienziale, per sfruttare al meglio l’umanità da un punto di visto solo economico.

Inutile credere che i “media” attuali possano dare indirizzi: essendo essi i fautori del progetto di “desensibilizzazione” dell’uomo e di approfittazione della sua infantilità morale.

I media piuttosto “vendono all’uomo i suoi complessi”.

L’umanità è rimasta quindi indietro come capacità (morale) di essere all’altezza rispetto la tecnologia di cui dispone: non ha le forze per potere e sapere gestire questi strumenti in modo realmente utile e sano.

Un indicazione potrebbe essere: strappare i “giocattoli” di mano dai bambini. Opzione assurda e sconsigliata: questo provocherebbe una rivolta fra i bambini, che potrebbero risentire di traumi psicologici.

Un’altra via potrebbe essere quella di educare ad un uso più consapevole degli strumenti.

Per giungere ad un’essenzializzazione, che produca per via naturale una spontanea selezione e riduzione dei beni disponibili.

Questo non significa “tornare indietro” ai primi del 1900.

Si tratta di ricollegarsi con le intenzioni iniziali per cui vennero creati i dispositivi, le invenzioni.

Per ri-cominciare ad usarle per il reale motivo per cui vennero create.

Pensiamo al telefono. L’evoluzione lo ha portato ad essere un kit “tuttofare” con il quale puoi anche provare la pressione sanguigna o usarlo come una torcia. “Educarsi spiritualmente” significa prendere in mano un telefono e ricordare per cosa fu inventato, usandolo solo per quello che è la sua reale funzione.

Il televisore inizialmente aveva uno o due canali con poche trasmissioni, selezionate e curate, con impronte abbastanza oggettive. Oggi il televisore è un dispositivo personalizzato che serve per plagiare le coscienze in termini politici e commerciali. I mezzi più deleteri sono i telegiornali e le pubblicità. “Educarsi spiritualmente” è prendere il televisore e metterlo in cantina. Per come è strutturato ora il sistema non è più gestibile.

Chi dice “si tratta solo di sapere gestire i mezzi, non di abolirli” fa parte del sistema, di quei mezzi é succube e non vuole abbandonarli, non desidera tirarsene fuori. E neppure ha valore far credere “che così si perde il contatto con il mondo reale, si è menefreghisti.” ma si puo chiedere: è reale ciò che ci dice la comunicazione di massa? È utile a farci sentire umani ottimisti e colmi di speranza? O ci toglie invece ogni speranza facendoci sentire come scimmie nate dal caso? L’uomo non è evoluto al punto di saper gestire qualcosa, per ora. Per imparare a controllare qualcosa, serve una tecnica morale. Un detto recita: “ogni passione senza disciplina porta alla rovina.” Solo se prima ci si sottomette ad una disciplina di proprie regole, scelte da noi, si può pensare un giorno di potere essere liberi di fare qualcosa.

Si dovrebbe “ritornare indietro” non retrocedendo nel passato, ma nella propria coscienza. Si dovrebbe divenire capaci di mettere in discussione ogni strumento tecnologico e rivalutarlo secondo “il peso” di ciò che è, per ciò di buono può dare a noi e all’umanità.

Mettere al primo posto lo sviluppo della nostra moralità (spiritualità), non del nostro benessere psico/ fisico.

Sarebbe bene confrontare sempre l’aspetto dell’utile con quello del comodo. Una cosa può essere comoda, ma inutile. Può essere bella, ma dannosa.

Un tempo, 100 anni fa la vita non era più triste di ora. Non era più noiosa. Anzi, vi era molta più inventiva e entusiasmo. Sicuramente vi era molto meno bisogno di ansiolitici o antidepressivi. Chiediamoci se il continuo decadimento dello stato nervoso dell’umanità non sia invece dovuto alla comparsa di un materialismo che non abbia tenuto conto del fatto che l’uomo non è un macchina, ma è provvisto di anima.

Da anni medito per la creazione di un gruppo che sostenga l’abolizione della comunicazione di massa. Un ritorno dell’essenziale. Oggi sembra un utopia pensare di vivere senza televisione o internet.

Si dovrebbe imparare a utilizzare i beni materiali solo nella misura in cui servono per farci crescere interiormente, non solo per la soddisfazione che possono aggiungere al nostro benessere egoistico.

Si dovrebbe giungere spontaneamente ad assumere cibi che servono solo al nostro bene, a guardare immagini che ci elevano, ad apprezzare opere che ci trasportano ai livelli che meritiamo come umani.

Tutto questo mirarebbe a godere del sapore intimo delle cose, non del cocktail speziato che viene offerto ovunque.

Anche ritrovare il valore della natura, di ciò che vive in essa, è fondamentale.

Tutto questo “non è tornare indietro”: è riprendere le redini, stando al passo con i doni che l’intelligenza umana ha messo a disposizione del genere umano.

Potrebbe essere “tardi” per operare un cambiamento.

Operare da soli per cambiare è possibile, ma lo si dovrebbe fare “donando” opportunità anche al resto dell’umanità che non è in grado di “cambiare” da sé.

Si potrebbero fondare associazioni che –anche se inizialmente potrebbero apparire separatiste- si isolano dai sistemi mediatici. Ad esempio, si dovrebbero costituire delle “comunità” in cui si seguono certe direttive: il non uso della televisione e di internet, non uso del cibo proveniente da supermercati, non frequentazione di luoghi mediatici come spiagge, discoteche, spettacoli di massa. Si dovrebbe all’interno dei circoli promuovere l’arte e la cultura, come mezzo non di intrattenimento, ma di sviluppo interiore. Non si tratterebbe di una comunità di “asceti”, ma di individui che si occupano di “essenzializzare” e ridurre le percezioni, gli alimenti e le abitudini -che al momento sono solo “disumanizzanti”- con lo scopo di rinvigorire l’elemento umano.

Cosa importante è che questo tipo di comunità non dovrebbero essere mondi isolati, in cui si penetra solo se “prescelti”. L’accesso sarebbe per tutti, purchè ci si adegui ai sistemi.

Altra nota importante è che dovrebbero esservi rappresentati di tali comunità che dovrebbero ai massimi termini rendere pubblica l’esistenza di questo tipo di realtà e invitassero a farne esperienza a tutti. Quindi grande accento dovrebbe essere posto sul “provocare” occasioni di confronto fra la società ordinaria e questo tipo di comunità.
La parola chiave potrebbe essere: “noi ci siamo accorti che possiamo gestire meglio la vita, se ci rendiamo liberi dalle cose non essenziali e se le usiamo in modo morale”.

Riprendere il dominio della vita è possibile: purchè si sia disposti a compiere alcuni passi indietro sul piano dell’educazione della coscienza. E si voglia inchinarsi al progresso, chiedendo forze al mondo spirituale per potere esserne all’altezza.

 

Tiziano Bellucci

 

 

 

La seconda guerra mondiale e la strage dei pellirossa americani sono collegate?

Postato il Aggiornato il

Riprendo un post pubblicato qualche tempo fa che vorrei portare alla vostra attenzione, secondo una mia interpretazione, derivate da conoscenze scientifico spirituali.

Steiner, in una conferenza di Steiner a Stoccarda del 6 Gennaio 1921, dice che la maggior parte delle anime che erano incarnate ai suoi tempi in Europa centrale, furono incarnate in America come pellirosse e indio dopo la scoperta del continente. Vennero sterminate e vinte dai conquistadores e dai popoli europeri d’allora.

Si parla poi di un’altra corrente ancora che viveva allora in Europa,ala quale aveva vissuto nei primi tempi del cristianesimo nell’europa meridionale, ITALIA, egitto e nord africa. Queste due correnti si mischiarono insieme nell’attuale europa occidentale.

Egli parla poi di un’altra corrente che visse in Europa centrale ai tempi del cristianesimo primordiale vive oggi incarnata nel popolo GIAPPONESE.

Un ultima corrente che visse in oriente, in Asia ai tempi di Cristo e non ne accolse gli impulsi (popolo EBREO) vive ora incarnata in America del nord.

Sarebbe azzardato ipotizzare che durante la seconda guerra mondiale, in cui abbiamo visto soprattutto la Germania come rappresentate dell’Europa centrale, fossero incarnate nei soldati tedeschi le anime di quei pellirosse sterminate dagli spagnoli, inglesi, francesi olandesi, anime che per karma dovevano compensare, il loro sterminio”?
E non è interessante vedere che quei popoli alleati dei tedeschi furono i Giapponesi e gli Italiani? popoli che trovano una connessione secondo le conoscenze sovraesposte? E infine come non si può vedere il nesso con coloro che diventarono poi il “nuovo popolo americano (popolo Ebreo reincarnato)”, nemico dei tedeschi e dei loro alleati?

Mi scuso per tutto ciò può sembrare azzardato: se la sensibilità di qualcuno ne è ferita, provvederò a togliere questo post. E’ solo un ipotesi, che vorrebbe comprendere la logica del karma. Ma se fosse vero è tuttavia incredibile pensare che Steiner anticipasse una realtà che sarebbe poi accaduta venti anni dopo.