PER-CORSI di antroposofia 2019-20

Postato il

La Casa delle Arti La Fenice

Via Francesco de Mura 23 – NAPOLI

presenta

L’ENIGMA DEL SONNO, DEL SOGNO E DELLA MORTE

Oltre la soglia della vita secondo la scienza spirituale di R. Steiner

a cura di Tiziano Bellucci

Abbandonare il corpo fisico, significa compiere un viaggio entro gli spazi cosmici.
E’ possibile comprendere questo cammino da una prospettiva Dantesca, secondo la “Divina commedia”: attraversando le regioni che conducono alle vette dello spirito.

Domenica 3 novembre 2019 ore 9.30 – 17.00

Incontro a numero chiuso con prenotazione obbligatoria entro il 28 ottobre

Contributo organizzativo 30 euro

Per questo incontro il Relatore si affida al libero apprezzamento

Contatti 3405018657 PER ISCRIVERSI: https://unicornoscorsi.com/modulo-iscrizione/

 Invito gratuito a Bologna per TRATTAMENTO  DI “ACCORDATURA PLANETARIA”

Mi sono deciso a scrivere pubblicamente, perché vorrei proporre una sperimentazione.

Grazie all’aiuto di un amico/tecnico competente si è messo a punto un sistema “vibratorio” che irradia determinati suoni e armonie.

Da vario tempo mi occupo di indagare la natura del suono e della musica come vibrazione.
In questi anni una sempre maggiore e crescente convinzione, mi ha portato a pensare che tramite il suono sia possibile creare nel futuro un sistema alternativo di risanamento, che potrà stupirci per la sua efficacia.

Non si tratta di una “cura” o di una “terapia”: essendo queste, riservate solamente a chi pratica l’arte medica e quindi abbia una laurea in medicina. Lungi da me quindi l’idea di voler fare il “dottore”.

Sono sempre più sicuro che  ascoltare per alcuni giorni determinare armonie musicali, in completo relax, svuotando la coscienza, e compenetrandosi della vibrazioni interiori e emozioni suscitate dal brano musicale vada a stimolare forze di benessere dell’anima e del corpo.

 Non è musicoterapia. Le “formule” delle scale non agiscono sulla psiche, ma in merito al potere della vibrazione si indirizzano a far affiorare determinate “memorie” che sono presenti entro gli organi vitali, nel corpo eterico.

La collaborazione che propongo è a scopo di raccogliere opinioni che vadano ad avvalorare effetti benefici in merito a questo trattamento sonoro. Se tu stesso, o qualche amico che ti sta a cuore fosse interessato a partecipare, scrivimi ad unicornos@hotmai.it indicando la tua disponibilità.

Al momento io posso offrirmi per la sperimentazione (a Boologna) il mattino dal lunedi e venerdi dalle ore 10 alle 14. In rari casi è possibile concordare la sera, dopo le 20.

https://accordaturaplanetaria.wordpress.com/entra-nel-laboratorio/


Tiziano Bellucci

** Cortesissimo ricercatore, abbiamo pensato per il 2019-20 quattro eventi di antroposofia:

1° iniziativa 

IN CAMMINO VERSO SE STESSI 2019-2020
”Conoscere il proprio ruolo nella vita e nel mondo con l’antroposofia”
Un percorso di consapevolezza e di riscoperta di sè  in 8 incontri, 8 domeniche, 
in 8 mesi a Bologna, anno 2019-2020
click sull'immagine sotto per info

2° iniziativa
APPROFONDIMENTI DI ANTROPOSOFIA a Bologna 2019-2020
Conoscenza e consapevolezza per l’armonia nel mondo
5 incontri, dalle 15 alle 19 per ampliare l’orizzonte della vita e le finalità esistenziali, per approfondire ed arricchire le relazioni, la comprensione del proprio ruolo e dell’altro uomo nel divenire della Terra.
A cura di Tiziano Bellucci, antroposofo ricercatore

click sull'immagine sotto per info
 https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/approfondimenti/
Bologna: approfondimenti di antroposofia
con il patrocinio di

https://www.associazionestellamaris.it/


3° iniziativa
A Treviso: ALLE PORTE DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO
Orientarsi nella vita e nel mondo con l’antroposofia
A cura di Tiziano Bellucci, ricercatore antroposofo

click sull'immagine sotto per info 
https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/treviso/
A Treviso: ALLE PORTE DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO


PER-CORSI di antroposofia 2019-20

Postato il Aggiornato il

** Cortesissimo ricercatore, abbiamo pensato per il 2019-20 quattro eventi di antroposofia:

1° iniziativa 

IN CAMMINO VERSO SE STESSI 2019-2020
”Conoscere il proprio ruolo nella vita e nel mondo con l’antroposofia”
Un percorso di consapevolezza e di riscoperta di sè  in 8 incontri, 8 domeniche, 
in 8 mesi a Bologna, anno 2019-2020
click sull'immagine sotto per info

2° iniziativa
APPROFONDIMENTI DI ANTROPOSOFIA a Bologna 2019-2020
Conoscenza e consapevolezza per l’armonia nel mondo
5 incontri, dalle 15 alle 19 per ampliare l’orizzonte della vita e le finalità esistenziali, per approfondire ed arricchire le relazioni, la comprensione del proprio ruolo e dell’altro uomo nel divenire della Terra.
A cura di Tiziano Bellucci, antroposofo ricercatore

click sull'immagine sotto per info
 https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/approfondimenti/
Bologna: approfondimenti di antroposofia
con il patrocinio di

https://www.associazionestellamaris.it/


3° iniziativa
A Treviso: ALLE PORTE DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO
Orientarsi nella vita e nel mondo con l’antroposofia
A cura di Tiziano Bellucci, ricercatore antroposofo

click sull'immagine sotto per info 
https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/treviso/
A Treviso: ALLE PORTE DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO


PER-CORSI di antroposofia 2019-20

Postato il

** Cortesissimo ricercatore, abbiamo pensato per il 2019-20 quattro eventi di antroposofia:

1° iniziativa

IN CAMMINO VERSO SE STESSI 2019-2020
”Conoscere il proprio ruolo nella vita e nel mondo con l’antroposofia”
Un percorso di consapevolezza e di riscoperta di sè  in 8 incontri, 8 domeniche, 
in 8 mesi a Bologna, anno 2019-2020

click sull'immagine sotto per info

2° iniziativa
APPROFONDIMENTI DI ANTROPOSOFIA a Bologna 2019-2020
Conoscenza e consapevolezza per l’armonia nel mondo
5 incontri, dalle 15 alle 19 per ampliare l’orizzonte della vita e le finalità esistenziali, per approfondire ed arricchire le relazioni, la comprensione del proprio ruolo e dell’altro uomo nel divenire della Terra.
A cura di Tiziano Bellucci, antroposofo ricercatore

click sull'immagine sotto per info
 https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/approfondimenti/
Bologna: approfondimenti di antroposofia
con il patrocinio di

https://www.associazionestellamaris.it/


3° iniziativa
A Treviso: ALLE PORTE DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO
Orientarsi nella vita e nel mondo con l’antroposofia
A cura di Tiziano Bellucci, ricercatore antroposofo

click sull'immagine sotto per info 
https://unicornoscorsi.com/per-corsi-di-antroposofia-annuali/treviso/
A Treviso: ALLE PORTE DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO




4° iniziativa
GRUPPO di studio APERTO A TUTTI, Bologna 2019-20 sui testi di Rudolf Steiner
CONOSCI TE STESSO : CONOSCI IL TUO RUOLO NEL MONDO
Letture e riflessioni insieme sui libri di R. Steiner sull’origine cosmica e terrestre dell’uomo. Incontri settimanali serali aperti a tutti  (anche via Skype*) a cura di Tiziano Bellucci
https://unicornos.com/gruppi-di-studio-a-bologna-2019-2020/
https://unicornos.com/gruppi-di-studio-a-bologna-2019-2020/


**
“L’accordatura planetaria”
Il Suono della Vita
Musica e antroposofia in 2 giornate
alla luce della Scienza spirituale di R. Steiner

14 e 15 settembre 2019 ore 9,30 – 17,30
Sala Adriana, Corso Vittorio Emanuele II, n° 326 – Roma
a cura di Tiziano Bellucci, musicista antroposofo

Suonare e cantare le antiche scale delle armonie planetarie, secondo la tradizione occidentale.
Ri-accordarsi e ri-equilibrarsi con il cosmo

Esperienze conoscitive e meditative: versi e mantram di Rudolf Steiner, musicati sulle antiche scale modali greche. Non occorrono specifiche competenze musicali; aperto a tutti: si può partecipare anche ad una sola giornata
Il seminario fa riferimento al libro di Tiziano Bellucci, la “Musicha perduta”; per approfondire:  https://unicornoscorsi.com/2019/08/13/roma/
https://accordaturaplanetaria.wordpress.com/la-musicha-perduta/
------------------------------------------------------------

PER PROGRAMMA DETTAGLIATO: https://unicornoscorsi.com/percorso/ ------------- (https://unicornoscorsi.com/percorso/)

invito meditativo: RESPIRAZIONE PLANETARIA CON COLORI E VOCALI

Postato il Aggiornato il

Si tratta di un “trattamento sonoro” tramite respirazione immaginativa, della durata di almeno una settimana. Ogni giorno si cambierà scala planetaria, colore e vocale.

Si invita prima di tutto, a scaricare le seguenti scale planetarie: https://drive.google.com/open?id=1752u1ONgeviTM3WFqL37Of9RNz8KAiZ5

PIANETA VOCALE COLORE NOTA
Marte E Rosso DO
Mercurio I Giallo RE
Giove O Arancio MI
Venere A Verde FA
Saturno U Azzurro SOL
Sole AU Bianco LA
Luna EI Viola SI

Durante l’ascolto della musica occorre trasferire la propria coscienza nelle varie parti del corpo (partendo dai piedi e salendo verso testa): si tratta di inspirare il colore del pianeta ed espirarlo emettendo la vocale corrispondente.

Si deve ascoltare una scala planetaria diversa ogni giorno, a seconda del pianeta, visualizzando il suo colore ed emettendo la sua vocale.

Ad es. mentre ascoltiamo la musica di Saturno -nel giorno di sabato- immaginiamo di essere immersi in un cosmo di luce azzurra fresca e piena di vita. Dobbiamo inspirare questa luce azzurra immaginando di assorbirla e di farla entrare in noi. Possiamo respirare immaginando che ogni parte del corpo abbia polmoni: i piedi, i polpacci, le cosce inspirano ed espirano, uno alla volta.

Nella pratica effettiva occorre -ascoltando la musica- prima trasferire la coscienza in un dato punto del corpo, quindi inspirare la luce colorata “irrorando” il corpo di luce per poi espirare, ridonando al cosmo la luce assorbita, emettendo la vocale di saturno “U”. (Occorre cercare di intonarsi sulla nota base, fondamentale dell’armonia. E’ la tonica, che si sente al principio della musica, una nota bassa)

Questa meditazione revitalizza gli scompensi vitali.

Durante l’ascolto della musica occorre trasferire la propria coscienza nelle 12 parti del corpo (partendo dai piedi e salendo verso testa): si tratta di inspirare il colore del pianeta ed espirarlo emettendo la vocale corrispondente.  Per 12 volte.

Molto importante. Una volta finita la musica, restare in silenzio ascoltando dentro di sé “eco” della musica, ricordandola, e rievocando le medesime sensazioni, sempre emettendo poi la vocale corrispondente.

Se vi è un organo in particolare che ci interessa “vitalizzare” possiamo dedicarci esclusivamente ad esso, applicando la respirazione colorata e l’emissione della vocale

N.B. una variante può essere, anziché inspirare ed emettere a vocale in modo alternato/ritmico, ma “accumulando” luce:

– inspirare immettendo luce nell’organo per 7 volte, immaginando di trattenere la luce anche nell’espirazione

– espirare emettendo la vocale e ridonando la luce all’esterno per 7 volte.

E’ importante che il numero di “accumuli” (inspirazioni) sia uguale al numero di “scariche” (espirazioni)

Ci si ricordi ogni giorno di cambiare scala planetaria, colore e vocale.

Queste melodie non sono arbitrariamente tratte dalla mia fantasia, ma si rifanno a formule pitagoriche antiche di 2500 anni. Venivano suonate di notte, mentre i malati dormivano sdraiati dentro il tempio. Esse non agiscono subito, ma durante la notte. “Vibrano” nel corpo astrale, mentre si dorme.

Sarà ed è per me fondamentale che si ponga attenzione ai sogni o alle immagini o alle parole che si affacceranno in quel periodo durante il sonno o al risveglio, o nel corso della giornata annotandole in modo dettagliato giornalmente.

Il possibile miglioramento dello stato di salute potrebbe avvenire solo dopo aver ricevuto una data immagine o un dato sogno.

Non è richiesto nessun compenso o retribuzione per questo tipo di collaborazione. L’unica cosa che chiedo è di essere ligii nel perseverare e nell’ottemperare il compito e che tu possa fornirmi un “feedback”, un resoconto dopo 7 giorni, delle tue osservazioni e impressioni che avrai annotato durante la pratica, commentando pubblicamente qui in questa pagina oppure di inviarmi privatamente a unicornos@hotmail.it

Ovviamente tutto deve essere fatto secondo la propria libertà. Il compenso più grande sarà per me la tua dedizione a questa sperimentazione.

Questo metodo può diventare anche la “propria” via meditativa quotidiana.

Ci sentiamo fra una settimana. Buon lavoro. Sperando di aver destato interesse invio un caro saluto.

Tiziano Bellucci

(per commentare si consiglia prima iscriversi o seguire questo blog)

La festa della rinascita del Sole: I Misteri Estivi. Uriele e il Battista

Postato il Aggiornato il

La festa della rinascita del Sole: I Misteri Estivi. Uriele e il Battista

Letture e riflessioni a cura di Tiziano Bellucci

 Giovedì 20 Giugno 2019 ore 20.30

Presso via Agucchi 121-12  località Pontelungo BOLOGNA

Steiner parla della relazione fra Uriele, Arcangelo dell’estate e il compito di Giovanni Battista, quale annunciatore del Cristo, che durante il tempo del calore, prepara nel cielo estivo, la riscoperta del Sole che deve nascere a Natale dentro al cuore umano.
“Deve venire dopo di me, qualcuno che è più grande di me”
Uriele conosce la Scrittura celeste e “indica” colui “che grida nel deserto della solitudine”: ognuno di noi è un Battista, prima di scoprire dentro di sè di essere figlio di Dio.

 Aperto a tutti

 

Vi sono “due Giovanni” che sono posti in due punti cruciali dell’anno. Uno che annuncia la venuta del “SOLE” esteriore: l’estate calda e luminosa.
Un altro che annuncia la nascita di un SOLE interiore: l’io divino nell’uomo, il Cristo, che nasce nel gelo della grotta del corpo umano e nelle tenebre dell’anima.

Giovanni Battista “grida nella solitudine”: “deve venire uno dopo di me che è più grande di me.
Giovanni evangelista sussurra: “la luce vera quella che illumina ogni uomo, venne ad abitare fra noi”.

Giovanni Battista è la reincarnazione di Elia, che poi sarà Raffaello Sanzio e Novalis

LA CADUTA “NECESSARIA”, SENZA COLPE. Elia è un profeta simile al mago. Vicino ad Enoch. Essi sono due Profeti esoterici: vedi libro dei vigilantes di Enoch, in cui gli uomini vengono visti come “tentati” dai demoni, i quali si “accoppiano” con le anime degli uomini.

I DEMONI E GLI ESSENI. Giovanni Battista e Gesù frequentavano gli Esseni. Entrambi vedevano i demoni che non potendo entrare entro la comunità essenza, andavano verso Gerusalemme in cerca di cibo: di anime. Liberarsi dai demoni significava consegnarli ad altri uomini.

Questa non era una soluzione. Solo pochi potevano contattare il divino. Il resto dell’umanità sarebbe sprofondata nell’oscurità.

Giovanni volle sviluppare maggiore coscienza di sé, una maggiore consapevolezza della presenza delle influenze demoniache.

Tutto il cammino dell’umanità è un processo di individualizzazione dell’umanità. Dall’UNO si è prodotta la molteplicità.

ADAMO era l’unitario spirito dell’uomo, come spirito di specie umana.

Prima che sorgesse Adamo, gli spiriti delle costellazioni cherubici (Toro, Leone, Scorpione/Aquila, Acquario). Con il tempo essi guidavano 4 razze principali. Poi altri spiriti inferiori (archai, arcangeli) cominciarono a governare i continenti, poi le nazioni e le città. E questa “guida” avveniva tramite individui eletti ispirati da entità divine: Patriarchi, Faraoni, Sacerdoti. Osiride, Elia, Giacobbe, Zaraturstra.

L’uomo non aveva un io “aggregato” come ora. Non aveva un identità di sé: non aveva un senso di colpa, non aveva la voce della coscienza. Per capire se aveva commesso una colpa doveva leggere la Legge.

L’uomo non aveva un carattere individuale, era piu simile agli animali. Non poteva afferrarsi come io.

IL BATTESIMO DI RICORDO del Battista

L’uomo antico avevo un modo diverso di vivere la propria coscienza, la propria memoria, la propria coesione interiore egoica.

L’uomo medio si sentiva collegato con la stirpe, non aveva un identità propria.

Adotta un procedimento, tramite l’acqua, per agevolare questa presa di coscienza. Aveva imparato questa procedura dagli esseni, i quali la adoperavano per altri scopi. Giovanni si accorge che immergendosi nell’acqua si agevolano e si favoriscono determinati processi occulti.

Crea discepoli in grado di sperimentare quel senso di “separazione” che Giovanni stessa ha sperimentato.

Immergendo nell’acqua è capace di fare sperimentare un unità del discepolo con la sua propria biografia mnemonica. Veniva praticato un allentamento dallo spirito di stirpe e il discepolo di “afferrava” come individuo, come spirito singolo.

Il Battista fa riemergere la memoria anche a Gesù.

L’uomo ha una responsabilità morale nei confronti degli eventi tellurici ed atmosferici

IL CENTRO “MAGICO” DISTRUTTIVO NEL PLESSO SOLARE E L’INTERNO DELLA TERRA

Ogni uomo possiede un “centro di gravità” volitivo nel plesso solare,sotto il diaframma, il quale è collegato con una sfera sotterranea della terra.
Vi sono quindi miliardi di “centri di gravità” umani sula crosta terrestre, collegati da un “filo” volitivo con le profondità della terra.
Solitamente questo “centro volitivo” è ordinariamente usata per scopi legittimi: per regolare ed attuare i processi metabolici nel
corpo umano: digestione, assimilazione, ricambio, riproduzione.

Si tratta di forze distruttive e costruttive che trasformano le sostanze nell’oragnismo.
Ma se ci si addestras, si può divenire capaci di usare queste forze non solo per il metabolismo, per distruggere e metamorfosare
sostanze: si possono usare contro altri uomini, per far loro del male, per poterli prendere sotto il proprio dominio.

Tiziano Bellucci

Il nuovo libro di Tiziano Bellucci MUSICHA PERDUTA

Postato il Aggiornato il

Il nuovo libro di Tiziano Bellucci

LA MUSICHA PERDUTA

per ordini: http://www.argentodorato.it/negozio/la-musicha-perduta/
http://www.argentodorato.it/negozio/la-musicha-perduta/

«IL MIO NOME È MUSICHA» DISSE L’IMMAGINE. «SONO LA MÈTA DELLA TUA VITA, IL COMPIMENTO DELLE TUE FATICHE, IL TUO UNICO AMORE. MA PER AVERMI» CONTINUÒ «DEVI COMPRENDERE IL MIO ESSERE: DEVI CONOSCERE LA MIA ESSENZA.»

Artus, figlio del semidio Vooran e dell’umana Selenia dedicherà la sua intera vita nella dimostrazione che la musica non è solo “musica”. Infatti, lungo il percorso della sua ricerca incontrerà un essere reale: Musicha, la Dea, la Musa. Essa si paleserà come una vertiginosa entità spirituale che “sogna” incantata in ogni cosa vivente: scoprirà che Musicha è “Colei attraverso sui venne creato il mondo”.

La ricerca della divina musica delle sfere, “Musicha che è perduta” per ogni umano moderno, porterà il protagonista a peregrinare nello spazio e nel tempo, lottando fra gli inganni e i pericoli infusi dall’antico mondo spirituale (religioni) e il futuro mondo spirituale (le scienze), i quali vorrebbero per sé, rubare il “segreto” che Artus porta nel suo cuore: l’uso della musica come via per divenire co-creatori entro il divenire universale.

Nel testo vengono comunicate sette vie, sette scale per accedere ai mondi planetari, ai cori angelici, alla porta della divina Musicha: sette melodie per incontrare la Parola universale creatrice dell’esistenza: Musicha.

Ordinabile in tutte le librerie

PER ACQUISTARE IL TESTO click sull’icona sopra

Recensione a cura di Robero Solinas.
La Musicha perduta, di Tiziano Bellucci

Simbolico, multisignificante, cosmogonico, forse autobiografico. Un romanzo per chi è in cammino verso se stesso. Tiziano Bellucci segue sempre la sua strada e non si cura troppo di essere compreso. Già nel saggio “Erosophia:i misteri del maschile e del femminile” ci avvisa che occorre volontà per leggerlo. La ricerca di Musicha è la ricerca del senso della vita e dell’armonia. Musicha è persona e non solo un’idea, è presenza solida che appartiene al mondo. Un testo che attraversa il tempo e lo spazio, che ha un respiro siderale. Che la Musicha perduta ora possa sorgere in noi!

Il libro può essere ordinato in qualunque libreria oppure sul nostro store:
http://www.argentodorato.it/negozio/la-musicha-perduta/

Disponibile su altre librerie online:

https://www.unilibro.it/libro/bellucci-tiziano/la-musicha-perduta/9788894448207

https://www.lafeltrinelli.it/libri/tiziano-bellucci/musicha-perduta/9788894448207

https://www.mondadoristore.it/La-musicha-perduta-Tiziano-Bellucci/eai978889444820/

https://www.ibs.it/musicha-perduta-libro-tiziano-bellucci/e/9788894448207

 

Presentazione libro Ferrara https://www.youtube.com/watch?v=1QHlAo_GKug

Book trailer LIGHT https://www.youtube.com/watch?v=hmYmXQKJWxw&feature=youtu.be

Book trailer ESO https://www.youtube.com/watch?v=IvgF3g4bnOc&feature=youtu.be

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=hmYmXQKJWxw&feature=youtu.be

 

Faccia a faccia con… Tiziano Bellucci e l’immortale Vooran


Il libro che vi propongo oggi nell’ambito della serie “Faccia a faccia…” è un romanzo esoterico scritto da Tiziano Bellucci, musicista e antroposofo.Il protagonista della storia – che ci conduce molto, molto lontano nel tempo, in un’atmosfera avvolta di spiritualità e poesia – è un personaggio decisamente particolare: si tratta, infatti, di Vooran, un semidio vissuto su Atlantide.


Vooran, prima di tutto ti chiedo se puoi descriverci il tuo tempo, che per noi moderni è un po’ difficile da immaginare.
Qualcosa di simile all’antico Merlino appare in me. Con la differenza che l’epoca di Merlino è medievale; quella mia è invece attuale. Contemporaneamente Vooran è antecedente a Merlino, è più antico, ma vive nel presente.

Puoi raccontarci ora qualcosa di te, della tua nascita e della tua natura immortale?
Sono nato da una donna comune: mia madre, Luxenide, un entità luciferica, mi generò circa trentamila anni fa, in una località ora sommersa dall’oceano Atlantico, prima del grande diluvio. Ero un antico Atlantideo. Mio padre era un umano.  Ero allora sacerdote dell’antica religione. Si potrebbe chiamare “antica religione” ogni culto o dottrina del passato, ovvero tutto ciò che fu paganesimo: tutto ciò che venne prima del cristianesimo. Il mondo degli Dei pagani, i molteplici Dei che troviamo in molte mitologie, altro non sono che entità spirituali che guidavano con la legge della necessità o di destino, il destino e le mosse umane.
L’uomo percepiva realmente l’attività di tali esseri, angelici, demoniaci o elementari: li vedeva in sogno, e anche durante la veglia.  L’attività piu’ diretta si manifestava in individui particolari, che venivano prescelti ed iniziati dal mondo spirituale stesso: coloro che venivano chiamati indovini, oracoli, streghe, maghi. Di contro, si può dire che l’uomo piu’ che avere una partecipazione era sottoposto a subire l’attività degli Dei. Passivamente, piu’ o meno consapevolmente, i Re, gli imperatori, credevano di essere loro a scrivere la storia: invece per ogni atto importante essi si consultavano con oracoli, astrologhi o indovini; in tal modo questi gli consegnavano la scelta da compiere, onde “dirottare” o condizionare le intenzioni del comandante. 
 Ad un determinato momento, dovette accadere che questo ordinamento dei fatti del mondo e il rapporto con lo spirituale dell’umanità dovesse mutare. Di fatto nelle alte sfere del Divino venne deciso che l’antico mondo spirituale doveva morire. Doveva arrivare una fase in cui le cose sarebbero dovute cambiare: doveva giungere una nuova religione, provvista di nuovi Dei. L’antico mondo spirituale si oppose a questo: fece di tutto per ostacolare la venuta di questa nuova fase, creando intrecci e deviando prospettive umane che tendevano invece a quel cambiamento. Il vecchio voleva combattere il nuovo, conservare le forme antiche. Iniziò una vera e propria guerra fra il vecchio mondo spirituale e le nuove forze. Le lotte fra regni, maghi e streghe ne sono l’espressione mitologica, il residuo.  
 In particolare tale lotte pilotate dall’invisibile si mostrarono particolarmente intense nelle saghe del Graal. Merlino rappresenta l’ultimo dei maghi.  
 Si tenga ben presente dunque che l’antico mondo spirituale all’incirca attorno all’anno 1400 scomparve. L’insieme di forze che hanno condotto l’uomo dal passato sino ad ora, furono oscurate, eliminate dalla prospettiva di una possibile azione dall’esterno. Tale mondo sprofondò all’interno della coscienza umana, inabissandosi. Fu questa la “fine del mondo” tanto annunciata dai profeti del passato. Era “la fine dell’antico mondo spirituale” che per millenni aveva agito dal di fuori dell’uomo. Era arrivato un nuovo tempo, un nuovo mondo interiore per l’uomo. Il tempo per l’uomo di diventare autonomo, di autodeterminarsi, non più di farsi guidare da un mondo spirituale oggettivo. L’uomo doveva procedere da sé, senza influenze, leggi e forze esteriori.

La musica ha una parte importantissima nella tua vita e in quella di tuo figlio Artus. Ma la musica per te è molto di più di quello che noi comunemente intendiamo, non è così?
La musica è ciò attraverso cui è stato creato il mondo. Quando Dio disse “sia la luce” usò il suono per creare la luce. Parlò, emise un suono. E quel suono si sostanziò nell’immagine di tutto ciò che è l’universo. Si può imparare ad ascoltare quel suono primordiale: esiste ancora e si può udire se si è in grado di sviluppare un “udito” speciale. Pitagora lo chiamava “l’armonia delle sfere celesti”. In sintesi altro non è che “i dialoghi che fra di loro, le forze cosmiche compiono da pianeta a pianeta”.
Indagare la natura della musica significa indagare la natura della potenza divina: tutto è suono. Anche la vita è suono: sinfonia celeste che risuona nei corpi celesti.

Inoltre, Musicha è anche una vera e propria entità, una Dea… cosa puoi dirci di questa figura?
Esistono due Musiche: una musica del passato, romantica, dolce e principesca, e una del futuro, dura, forte e decisa. Due Dee: una esaltante in bellezza, l’altra conturbante in sensualità. In realtà non sono la Musicha celeste vera. Essa non vive nel passato o nel futuro, ma solo nel momento presente, nel qui, ora. 

Qual è dunque la sfida che devi affrontare e a quale incredibile rivelazione ti condurrà?
La sfida è smettere di rimpiangere il passato e illudersi in un futuro migliore. Occorre vivere ora la vita, perché il presente è l’unica cosa vera che esiste nell’esistenza, l’unica reale opportunità di sviluppo per l’anima umana.

L’ultima domanda è per il “creatore” di Vooran e della sua storia, Tiziano Bellucci, a cui vorrei chiedere: il tuo romanzo e i suoi personaggi sono senz’altro il frutto di studi e di una passione per gli argomenti di cui tratti, ma accanto a ciò troviamo anche qualcosa della tua personalità? Ovvero, nella figura di Vooran si rispecchia in qualche modo anche “Tiziano”?
Certo che Vooran rispecchia il suo autore: una sorta di Merlino moderno decadente che arriva a rinnegare il suo passato di mago, per dare nelle mani di suo figlio Artus il futuro: ma spingendolo a vivere intensamente il presente: “vivere la vita con intensità e massima presenza, conduce ad incontrare al reale Musicha.

Ringrazio Tiziano per averci proposto il suo personaggio! Il suo libro non è attualmente pubblicato in formato cartaceo, ma l’autore è disponibile a spedirlo come pdf via e-mail. Chi è interessato può richiederlo a: unicornos@hotmail.it

LA MUSICHA PERDUTA
di Tiziano Bellucci

Trama
Vooran, nato da un umano e dalla Divina Luxenide, è uno dei rari superstiti e testimoni degli accoppiamenti fra angeli e umani narrati nelle varie tradizioni mitiche e religiose.
Vooran è quindi un semidio, un eroe immortale: non soggiace alla morte. E’ un antico atlantideo. Nel 2007 dall’unione fra Vooran e una donna (Selenia), nasce Artus, nipote quindi di un antico spirito portatore di luce, abitatore del pianeta mercurio: Luxenide. Vooran vorrebbe iniziare il figlio alle arti divine, magiche: ma Artus non vuole assolutamente. Egli ritiene che l’artista moderno è il nuovo mago, creatore per virtù e non per intercessione magica di qualche entità divina che gli concede dei poteri occulti. Tutta la sua vita sarà infatti rivolta a conoscere e a studiare la musica non solo in senso didattico e tecnico, ma anche da punti di vista filosofici, cosmologici e religiosi: la sua ricerca, grazie alla sua amica Celestia si rivelerà più che un evento artistico, ma un incontro reale con un autentico essere vivente: Musicha.
Artus dimostrerà a suo padre, ultimo “mago” detentore dell’antica tradizione e rappresentante della sapienza dell’antico mondo spirituale, che così come agì al principio della creazione, “Musicha” è la dea che può essere ritrovata e che nuovamente aiuterà l’umanità nel futuro, a svilupparsi e a evolvere in superumanità.

L’Autore
Tiziano Bellucci, nato a Castelfranco Emilia (MO) il 21 maggio 1962. Ha trovato la sua sintesi fra scienza, arte e religione dopo il suo incontro con l’antroposofia di Rudolf Steiner. Dal 1993 si occupa di ricerca del sovrasensibile: autore e compositore di brani di musica moderna, ha gestito per oltre un decennio uno studio di registrazione a Modena in qualità di ingegnere del suono e di arrangiatore musicale per giovani autori. Sono stati incisi in questa attività centinaia di CD audio da parte di altrettanti gruppi di base, soprattutto di musica pop/rock. Attualmente è impegnato come insegnante di chitarra e tastiere, a Bologna (dove abita) presso una struttura privata, entro la quale tende a realizzare una sorta di “Accademia dei Moderni Misteri”, nella quale è inclusa una scuola di musica moderna rivolta soprattutto ai giovani. Come scrittore sta cercando di comporre un metodo di insegnamento musicale che rechi conoscenze misteriche, in cui si sveli il profondo nesso fra la musica e la cosidetta armonia delle sfere pitagorica. E’ docente presso la scuola di arte-terapia antroposofica “Stella Maris”, come insegnante di Scienza Occulta. Fa parte della Società antroposofica universale. E’ conduttore sul sito http://www.Esonet.org della mailing list dedicata all’antroposofia, anche a mezzo di uno studio on line tramite audio conferenza, che si tiene secondo un rimto settimanale. Dopo aver inizialmente frequentato alcuni ordini iniziatici, ha trovato la sua sintesi interiore nell’antroposofia di R. Steiner: “L’antroposofia mi apparve come una via capace di accendere la mia consapevolezza e di rispondere attivamente innanzi al pericolo della immanente buia e inconsapevole medianità a cui l’uomo è potenzialmente soggetto”. Ricercatore scientifico spirituale, fra i suoi principali interessi vi sono lo studio e l’analisi degli stati di coscienza e la relazione fra la vita dell’anima e l’essenza della musica.

I VACCINI, VACCINAZIONE E LA SEZIONE DI MEDICINA DEL GOETHEANUM

Postato il Aggiornato il

 

I VACCINI E LA SEZIONE DI MEDICINA DEL GOETHEANUM

Dichiarazione della medicina antroposofica sulla vaccinazione

Dalla Sezione medica del Goetheanum e dalla Federazione internazionale di Associazioni mediche antroposofiche (IVAA)
15 aprile 2019

I vaccini, insieme all’educazione alla salute, all’igiene e all’alimentazione adeguata, sono essenziali strumenti per prevenire le malattie infettive.
I vaccini hanno salvato innumerevoli vite nel secolo passato; per esempio, hanno permesso lo sradicamento del vaiolo e attualmente lo stanno permettendo nel mondo ad avvicinarsi all’eliminazione della poliomielite.
La medicina antroposofica apprezza pienamente il contributo dei vaccini alla salute globale e sostiene fermamente la vaccinazione come misura importante per prevenire la vita in pericolo malattie.
La medicina antroposofica non è anti-vaccino e non supporta movimenti anti-vaccino.
Ci si aspetta che i medici con formazione in medicina antroposofica agiscano in accordo con la legislazione nazionale e di consigliare attentamente i pazienti (o i loro assistenti sanitari) per aiutarli comprendere le informazioni scientifiche pertinenti e la vaccinazione nazionale raccomandazioni.
Nei paesi in cui la vaccinazione non è obbligatoria e informata è necessario il consenso, questo può includere venire a un accordo con il paziente (o il caregivers) su un programma di vaccinazione individualizzato, ad esempio adattando il tempistica della vaccinazione durante l’infanzia.
Tenendo conto della ricerca in corso, modelli di malattie infettive locali e fattori di rischio socioeconomici, a volte vengono coinvolti singoli medici antroposofici la discussione scientifica su vaccini specifici e programmi appropriati di vaccino.
La medicina antroposofica è a favore della scienza e il dibattito scientifico continuo è più importante che mai nell’attuale ambiente vaccinale polarizzato.
Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:
Elisa Baldini, elisa.baldini@ivaa.info
———
A proposito della sezione medica del Goetheanum
La sezione medica del Goetheanum di Dornach, in Svizzera, è internazionale centro per la medicina antroposofica. Promuove l’ulteriore sviluppo di Medicina antroposofica attraverso conferenze e medicina postlaurea internazionale
formazione e svolge un ruolo di coordinamento per la ricerca e la formazione in materia antroposofica
Medicina. https://medsektion-goetheanum.org/en
A proposito di IVAA
IVAA, la Federazione internazionale delle associazioni mediche antroposofiche, promuove il
riconoscimento della medicina antroposofica e sua attuazione nei sistemi di assistenza sanitaria.
L’obiettivo di IVAA è che i benefici della medicina antroposofica siano ampiamente riconosciuti, e
che i pazienti e i professionisti hanno accesso immediato ad antroposofia complementare
medicine e trattamenti. www.ivaa.info

PAGINA “IVAA”: https://www.ivaa.info/latest-news/article/article/anthroposophic-medicine-statement-on-vaccination/

Vedi originale:  https://medsektion-goetheanum.org/fileadmin/user_upload/pdf/Vaccine_Statement_Med_Section_IVAA-15-April-2019.pdf?fbclid=IwAR2C6FNd_Gaz0pNyXSuDwqD8UksTlKkxOmRm_S-91R0XMYM1eppaqpGQJ1c

(Il comunicato purtroppo difficilmente riuscirà ad essere letto in maniera positiva da molte persone. Sottolinea che ci si aspetta dai medici con formazione antroposofica che agiscano in accordo alla legislazione nazionale. Non menziona la libertà di scelta, molto grave a mio avviso. Grave per tutti i cittadini, che hanno diritto di decidere se sottoporsi o meno a un atto medico, e grave anche per i medici, che hanno diritto di esprimere la propria opinione in scienza e coscienza, anche se in contrasto con la legislazione nazionale)


RISPOSTA DELLA SIMA Società Italiana Medici Antroposofi (19-04-19)

link originale: click qui

Venerdì 12 aprile è stato diffuso con tre giorni di anticipo e in modo improprio un documento della Federazione Internazionale delle Associazioni Mediche Antroposofiche (IVAA) sul tema delle vaccinazioni che portava la data del 15 aprile.

Il documento ha provocato numerose e forti reazioni.

Pubblichiamo qui il testo in originale e nella corretta traduzione in italiano. https://www.medicinaantroposofica.it/wp-content/uploads/Documento-IVAA-Sezione-di-Medicina-_-vaccinazioni.pdf 

Questo documento non rappresenta in modo esauriente i principi della medicina antroposofica, per i quali ogni atto medico deve essere affidato alla libertà e responsabilità del medico e del paziente. Ogni intromissione di terzi indurrebbe una deresponsabilizzazione, minando il necessario rapporto di fiducia tra medico e paziente.

Il documento rappresenta unicamente la posizione legale dell’IVAA e della Sezione di Medicina del Goetheanum, resa necessaria da circostanze insorte in alcuni paesi.

Nasce in un contesto internazionale che vede sistemi sanitari spesso diversi dalla realtà italiana e lontani dai dibattiti accesi nel nostro paese dalla attuale realtà dell’obbligo.

Questo documento non rappresenta propriamente la posizione dei medici aderenti alla SIMA, che, protesi ad un corretto dibattito scientifico sul rapporto rischio / beneficio, sostengono esclusivamente un uso ponderato, misurato e individualizzato dei vaccini.

Il Consiglio Direttivo SIMA, 19-04-19


 

 

Svolgiamo ora alcune riflessioni, partendo con lcuni riferimenti, per mostrare anche punti di vista alternativi:

“Sul senso e il valore karmico delle vaccinazioni o immunizzazioni

 Steiner, 8° conferenza, le manifestazioni del karma:

“Sul senso e il valore karmico delle vaccinazioni o immunizzazioni
Essendo le malattie espressioni del karma, inserire la possibilità di evitare determinate malattie epidemiche tramite vaccinazioni, non significa eliminare le cause karmiche che avrebbero dovuto esprimersi, ma posticiparle soltanto, o volerle in un’altra direzione, maggiorandone magari, anche l’intensità futura.

Infatti tramite la malattia l’anima umana avrebbe avuto la possibilità di realizzare una “purificazione” di sé, la quale si sarebbe attuata anche in caso di morte.

Se si elimina la predisposizione ad una malattia non si creda di poter “fare i furbi” con il karma, di poter “sviare” il corso degli eventi.

Essi ci colpiranno ineluttabilmente comunque, in un’altra occasione. Occorre dunque creare qualcosa che sostituisca l’effetto purificatorio e progrediente che si sarebbe esplicato nell’anima con la malattia.

Se si applica l’igiene o la vaccinazione, si deve sentire l’obbligo di dare una corrispondente educazione spirituale all’uomo, in modo che essa possa supplire all’azione che la malattia avrebbe realizzato nell’anima.”

 9° conferenza di Steiner nel testo “le manifestazioni del karma” sintesi:

In merito alla scoperta di nuovi vaccini, di invenzioni, di farmaci salvavita si deve sapere che tutto ciò non è opera dell’arbitrio umano; non è l’uomo che scopre, inventa.
Nel passato l’umanità soggiaceva a certe epidemie perché aveva bisogno di contrarle: si potrebbe dire che tramite le morti epidemiche di massa l’umanità guadagnava determinate forze che era necessario ottenere. E fu possibile conquistarle solo tramite morti epidemiche, senza speranza. Lo stesso vale per le cosiddette malattie “senza rimedio”.

Oggi, se è dato di poter sconfiggere malattie con farmaci o vaccini è solo perché il mondo spirituale ha fornito tali rimedi. L’umanità attuale ha visto scomparire la maggior parte delle malattie epidemiche, perché non ha bisogno al momento di quel tipo di esperienza di morte. Sono stati trovati rimedi come penicilline ed antibiotici per debellare malattie ritenute mortali per secoli, perché l’uomo era maturo non dover più morire per certe malattie infettive.

Questo per dimostrare che non è l’uomo che salva l’umanità, ma lo spirito che decide e dispone cosa e come deve agire su di essa. Se lo spirito riterrà opportuno che accadano epidemie in futuro esso può generare nuovi virus o batteri sconosciuti per la cura dei quali non esistono rimedi.
Farmaci, invenzioni, idee e scoperte arrivano all’umanità soltanto quando essa si dimostra matura per riceverli.

 

Da il mistero della ferita, R. Steiner:

“A seguito di quanto abbiamo accolto nei nostri cuori e nelle nostre anime dalla nostra corrente spirituale, dobbiamo aver acquisito la certezza che lo spirito che fluisce entro l’evoluzione dell’umanità di questi tempi tempestosi ci dà la forza e la certezza di portare in noi la fiducia che nel karma del mondo avvenga ciò che è giusto, che bisogna combattere, che sangue deve versarsi su altro sangue, affinchè possa essere raggiunto quel che la guida del destino universale vuole raggiungere con l’umanità intera.

Questo sarà anche un sacrificio di sangue, una sacra offerta!

Coloro, fra quelli che amiamo, che faranno questi sacrifici di sangue, diventeranno nei regni spirituali forti servitori dell’umanità, verso le mete più belle e più sublimi.

Perché da questo sacrificio le loro anime trasfigurate ascenderanno alle sfere spirituali più alte per la salvazione dell’umanità.

Con questa scintilla di commozione spirituale nel cuore, possiamo trovare forza in tutti i dispiaceri, le afflizioni, le tristezze, ma anche in tutte le speranze e le certezze che ci mostrano e ci rivelano eventi gravi come quelli presenti”.

… Chi aderisce alla scienza dello spirito deve mantenere in questi tempi la fiducia nella vittoria , deve restare saldo nella fiducia che gli spiriti che guidano il mondo decideranno le cose come è necessario per il bene dell’umanità.

Possiamo essere certi che prima o poi le leggi cambieranno e verrà promulgata una libertà di scelta vaccinale.

Il problema è “come comportarsi” con le piccole creature che devono essere comunque essere vaccinate ora. Anche se duole ed è doloroso sottoporle a tutto ciò, si può pensare che se esse sono nate in questo momento storico, lo hanno scelto, quindi significa che esse HANNO anche LE FORZE per superarlo. Sono dotate di extra forze. Intendo forze fisiche ed eteriche.

La scienza spirituale non è contro la scienza materiale, ma essa rappresenta un ampliamento di quest’ultima. Sicuramente vi è in atto un problema sociale/politico/economico difficile da gestire sullo sfondo, ma si tratta anche di vera onestà scientifica che chiedeva un espressione in un clima in cui si era generato un divario fra PRO e CONTRO vax il quale aveva creato problematiche difficili fra medici e associazioni.

Confido in coloro che alla luce della scienza spirituale, possano contribuire a trovare motivazioni valide non per svalorare, nè per giustificare, ma per comprendere questa dichiarazione. Un invito alla riflessione.
Certamente la tentazione di giudicare è condannare è forte. Ma restarne al di fuori era l’intenzione di questo post. Osservare, lasciare depositare, meditare.

Chiedersi come possano medici contraddire certe conoscenze di Steiner può esser spunto di meditazione, senza necessariamente condannare a priori. Forse vi sono motivazioni plausibili, che ignoriamo o che vanno indagate (vedi i passi di Steiner citati in testa), al di là dei soliti istinti che spontaneente possono sorgere.

Se possiamo esprimere un nostro parere, l’autore di questo articolo è contrario a vaccinare solo riguardo le malattie esantematiche, perché ritenute “utili” per lo sviluppo infantile. E questo è ben riconosciuto anche dalla medicina antroposofica. Si tratta di capire come essa vorrà adesso, porsi nei confronti di queste malattie.

Vogliamo concludere dicendo che l’essere umano è per sua natura, buono. Vuole il bene. Non perdiamo fiducia e non pensiamo sempre che i malvagi debbano essere ovunque. Per quanto ci riguarda, nelle istituzioni antropososofiche abbiamo incontrato certamente tante contraddizioni, ma non la malvagità. Chi esercita antroposofia è “vaccinato” contro il male. L’antroposofia è un antidoto contro la possibilità del male, perché fa emergere il “buono” che vi è nell’uomo. Cerchiamo di avere fiducia nell’essere umano e nei tempi che verranno.

Si arriverà ad una libertà di scelta sulla vaccinazione: si tratta per ora, di vivere percependo l’aiuto sempre presente del mondo spirituale che non ci lascia allo sbando, ma sempre ci sostiene con le sue forze.

Vaccinare è “tradire” la spontaneità del corpo fisico: al contempo occorre tradire, per avere una Resurrezione dello spirito“.

Solo grazie a Giuda il Cristo è stato crocefisso. Giuda era uno “strumento” necessario. Allo stesso modo, i vaccini sono “strumenti” (come altri presidi medici) necessari non alla salute del corpo, ma utili a suscitare -attraverso le battaglie interiori di genitori e ricercatori – la resurrezione di un pensiero vivente che possa elevare l’uomo oltre l’ordinario, verso il sovrumano. Non dimentichiamo che l’uomo è chiamato ad essere “più che un uomo”:  la futura decima Gerarchia. Ciò che serve è uno SFORZO che si deve compiere per vedere al di là della contingenza umana: vi è un obiettivo più grande che non è visibile dal punto di vista ordinario.

Ciò che in un primo momento può apparire “sbagliato”, illegale spesso è utile per suscitare elementi di “risveglio”. Senza “l’errore, l’assurdo” nessuno si sentirebbe spinto a sforzarsi per guadagnare un livello superiore di consapevolezza.

La “Resurrezione dello Spirito” umano si realizza quando un uomo si eleva dal quotidiano punto di vista e dalla contingenza temporale, ead abbracciando il divenire evolutivo, vede come i singoli ostacoli (vaccinazioni, uteri in affitto, eutanasia, ecc) siano solo “tappe” attraverso cui l’umanità cresce e si evolve a coscienze superiori. Lottare per una causa va bene, ma solo se la si vede come parte di un processo diveniente su scala planetaria, non solo come battaglia utile al proprio utilitarismo.

La “resurrezione dello spirito” significa quindi arrendersi a qualsiasi nefandezza?

No. Il Cristo si arrese ai suoi aguzzini in un primo momento. Ma poi risorse. E vinse su tutti.

Tutto quello che verrà ci sarà dato da una direzione del mondo piena di sapienza…dobbiamo saper vivere con assoluta fiducia, senza nessuna sicurezza nell’esistenza, fiducia nell’aiuto sempre presente del mondo spirituale.” Per l’era di Michele- R.Steiner.

UN CHIARIMENTO SULLA LIBERTA’ DI VACCINARE ESPRESSA DA DORNACH (Goetheanum)
Dornach, con un comunicato, si era espresso a favore della vaccinazione, valorizzandone il valore: ma con un opzione, che è stata sottovalutata e non compresa.
Il comunicato parlava di “riconoscere il valore delle vaccinazioni” ma esso indicava ANCHE al lasciare libertà al medico di scegliere individualmente con i propri pazienti se vaccinare o no
La risposta di Dornach (medicina antroposofica) riguardo le vaccinazioni
si prega di condividere
Petizione
Medici per una scelta individuale in tema di vaccinazioni
Care colleghe, cari colleghi, cari amici della Sezione di Medicina,
il tema delle vaccinazioni obbligatorie è attualmente “sulla bocca di tutti”, fortemente polarizzato e non sempre discusso in modo oggettivo sia sul piano politico sia sul piano sociale.
“Medici per una scelta individuale in tema di vaccinazioni” ha per questo motivo lanciato e fatto circolare una petizione che chiede sia firmata e diffusa. Cosa che noi sosteniamo.
I più cari saluti da Dornach
Georg Soldner

_________________
Tiziano Bellucci