corsi di musica

IMPARA A SUONARE on line con La Musicha Ritrovata

Postato il

IMPARA A SUONARE con

La Musicha Ritrovata. Il Suono della Vita

Metodo pratico per l’apprendimento del pianoforte e della chitarra
RIVOLTO A TUTTI

Caro Allievo, amico.

Ho scritto questo manuale per farti entrare nel mondo incantato di Musicha. Per insegnarti a suonare. Ti chiederai: “Perché Musicha e non musica?” Leggendo e praticando questo metodo, scoprirai che dietro a questa “H” in più vi è un mistero. Si tratta di un “viaggio misterioso e divertente” alla ricerca della musica: una leggenda, un romanzo ci condurrà ad incontrare vari personaggi, accompagnati da 14 temi, 14 musiche (oltre ad tanti altri esercizi e brani pedagogici). Sino ad incontrare la “Musicha” reale e imparando a suonare!

Ti auguro di incontrare questo mistero: che possano accendersi le luci che conducono alla magia della musica.
Tiziano Bellucci

Presentazione progetto “Musicha perduta”

 

ISCRIZIONI

Il corso è rivolto a tutti, a novizi e apprendisti: sia a chi vuole imparare a suonare il pianoforte, sia a chi aspira a suonare la chitarra

Entrambi i corsi sono costituiti -al momento- ciascuno da 30 lezioni con video tutorial e un manuale PDF, stampabile, contenente gli spartiti musicali delle lezioni. Man mano verranno aggiunti altri tutorial: si consiglia di visitare la pagina successivamente, per trovare altro materiale. L’iscrizione è permanente, non ha scadenza.

Per accedere, iscriversi ad un corso non è richiesto un costo fisso, ma un libero contributo. La Direzione invierà una password da inserire al link per accedere al corso e solo dopo averlo visionato si potrà procedere al versamento del contributo.

(la Direzione si riserva a sua discrezione di revocare la password nel caso di mancato versamento del contributo o in caso di un apprezzamento svalutante, non adeguato)

Essendo riservato per un singolo uso personale, si avverte di non condividere il link la password con il materiale nè con altri nè di renderlo pubblico

 

LINK corso CHITARRA (accessibile tramite password)   https://wp.me/P8jsFh-2US

LINK corso PIANO (accessibile tramite password) https://wp.me/P8jsFh-2V9

 

Per richiedere la PASSWORD si prega di compilare il seguente modulo:


QUI PUOI ASCOLTARE ALCUNI BRANI CHE VERRANNO INSEGNATI NEL CORSO (click):

Introduzione. Trama de La MUSICHA RITROVATA

C’era una volta un luogo lontano, in Europa, chiamato Artemis.

Là viveva un uomo di nome Vooran: non lo sapeva nessuno, ma era immortale. Non moriva mai: aveva 30 mila anni. Egli aveva cominciato ad esistere su Atlantide: un isola misteriosa (ora scomparsa dentro l’oceano) fra l’America e l’Europa.

A quei tempi antichi l ’umanità era nata da poco. Non era derivata da scimmie (come dicono alcuni) ma era discesa sulla terra dalle stelle, come tante goccioline di luce.

In verità una leggenda dice che una Dea buona, appena fu creato l’Universo si commosse così tanto, nel vedere quella immensa bellezza, che dalla gioia, cominciò a piangere lacrime di felicità. Dai suoi occhi scesero tante bellissime goccioline scintillanti.

Ogni “lacrima di cielo” piano piano cadde verso la terra: esse pian piano, divennero nuvole, poi pioggia, poi cadendo sul suolo con il tempo si cristallizzarono, come diamanti. Alcune di esse si sciolsero e divennero piante, altri animali, altri ancora si allungarono, cominciarono a camminare e formarono gli uomini attuali.

Questa umanità antica, era simile a tanti “bambini cresciuti”: essi avevano sì una forma umana adulta, ma trovandosi sulla Terra da poco, questi “bambuomini” non erano in grado di organizzarsi. Sapevano solo giocare.

Avevano bisogno di essere educati, istruiti, guidati.

Vooran svolgeva questo tipo di insegnamento: era un antichissimo Maestro dell’umanità. Oggi si direbbe: “era un Mago”. Così come oggi i ragazzi vanno a scuola per imparare a leggere e a scrivere, Vooran viveva in mezzo agli umani e li educava in tante cose pratiche: insegnava a lavorare, a cucinare, a vestirsi, a difendersi. E anche a fare magie: insegnava a pensare.

C’erano diversi “maestri Maghi” su Atlantide che, come Vooran, svolgevano questo compito.

Non tutti avevano forme umane: alcuni assumevano forme animali. Alcune immagini sono rimaste nelle antiche tradizioni, come negli Dèi Egizi, che hanno uomini con teste di animali.

Questi maestri non erano però né figli né amici della Dea “aveva pianto lacrime di gioia”: essi si trovavano sulla Terra prima che “piovessero” gli uomini e quando se li trovarono come compagni sul pianeta, decisero di istruirli. Se vogliamo essere sinceri, decisero di farlo perché avevano bisogno di “servitori” (educati) che li  adorassero come signori.

Videro negli uomini dei “perfetti soldatini” da allevare come futuri servitori.

Un “comandante” di questi maestri antichi si chiamava Vixenia. Lei pretese che venissero costruiti templi e chiese dove gli uomini andassero ad adorarla e le portassero doni.

Vixenia “inventò” l’’antica religione.

Ma nel cielo, la Dea delle lacrime e i suoi amici non erano contenti di come andavano le cose sulla Terra. Quei “maestri” educavano in modo sbagliato l’umanità: li spingevano sempre più alla litigiosità, all’egoismo, alla guerra.

La Signora delle lacrime volle porre un rimedio a questo: inviò sulla terra i suoi soldati alati: essi presero per i capelli tutte le Dee come Vixenia (che comandavano i Maghi) e le resero incorporee, invisibili agli uomini.

Ma siccome non esisteva un luogo dove portarle, dove rinchiuderli, venne decisa una cosa particolare: di rimpicciolirli e di nasconderli dentro alla pancia dell’uomo.

In questo modo egli non avrebbe avuto più una guida esterna che lo conduceva: poteva solo qualche volta, sentire una “vocina” dalla sua pancia che “brontolava” e si lamentava gorgogliando.

L’antico mondo dell’antica religione di Vixenia venne così “nascosto” dentro all’uomo.

Tutti gli antichi maestri, Vooran compreso, diventarono disoccupati, persero il lavoro, privi delle loro Dee.

Passarono gli anni, i millenni. E a Vooran nacque un figli, Artus. Questi, avrebbe cambiato il mondo.